Occorre qualificare come appalto di servizi il contratto di gestione dei rifiuti urbani che preveda che l’attività svolta sia remunerata integralmente dall’Amministrazione

Occorre qualificare come appalto di servizi il contratto di gestione dei rifiuti urbani che preveda che l’attività svolta sia remunerata integralmente dall’Amministrazione

Consiglio di Stato, Sezione V, Sentenza 24 gennaio 2020 n. 608

Deve essere qualificato come appalto di servizi il contratto di gestione dei rifiuti urbani che preveda che l’attività svolta sia remunerata integralmente dall’Amministrazione.

Sulle condizioni che debbono ricorrere per l’affidamento diretto di un appalto senza bando per ragioni di estrema urgenza.

Va qualificato come appalto di servizi, e non come concessione di servizi, il contratto di gestione dei rifiuti urbani che preveda (come nel caso di specie) che l’attività svolta sia remunerata integralmente dall’Amministrazione, di modo che non gravi sull’operatore economico il rischio d’impresa; conseguentemente, le controversie relative alla fase di esecuzione del contratto rientrano nella giurisdizione dell’Autorità giudiziaria ordinaria. Del resto, la devoluzione  ex art. 133, comma 1 lett. p), alla giurisdizione esclusiva del Giudice amministrativo delle controversie attinenti all’attività di gestione dei rifiuti, quand’anche posta in essere con comportamenti dell’Amministrazione o dei soggetti alla stessa equiparati, presuppone comunque che gli atti di gestione siano espressione dell’esercizio di un potere autoritativo, onde, quando in giudizio sia dedotto un rapporto obbligatorio avente la propria fonte in una pattuizione di tipo negoziale intesa a regolamentare gli aspetti meramente patrimoniali della gestione, la controversia appartiene alla giurisdizione del giudice ordinario. Ne discende che tutte le contestazioni formulate in ordine alla interruzione, asseritamente abusiva, dei rapporti contrattuali pendenti inter-partes (legittimata, vuoi dall’inesatto adempimento delle prestazioni dovute, vuoi dalla intervenuta scadenza del contratto, vuoi dalla mancata rispondenza delle prestazioni rese agli obiettivi fissati) devono ritenersi sottratti, in quanto afferenti a posizioni di ordine paritetico, alla giurisdizione amministrativa.

L’art. 63 del Dlgs. n. 50/2016 autorizza, in presenza di “ragioni di estrema urgenza“, il ricorso a “procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara“, a condizione che: a) l’urgenza derivi da “eventi imprevedibili” e “in alcun caso imputabili” alla Amministrazione aggiudicatrice, che rendano impossibile il rispetto del termini “per le procedure aperte o per le procedure ristrette o per le procedure competitive con negoziazione“; b) della relativa giustificazione sia dato conto “con adeguata motivazione”; c) l’affidamento sia disposto “nella misura strettamente necessaria”. L’opzione riveste, all’evidenza, carattere di eccezionalità rispetto all’obbligo delle amministrazioni aggiudicatrici di individuare il loro contraente attraverso il confronto concorrenziale, sicché, la scelta di tale modalità richiede un particolare rigore nell’individuazione dei presupposti giustificativi, da interpretarsi restrittivamente. Nel caso di specie, è corretta la scelta operata dal Comune, in quanto dalla disamina della documentazione versata agli atti del giudizio – anche indipendentemente dalla sussistenza delle (concorrenti ed alternative) condizioni di cui all’art. 63, comma 2, lett. b n. 2 -ricorrono le condizioni per un affidamento urgente e temporaneo ad operatore disponibile sul piano delle postulate condizioni tecniche e dotato delle necessarie qualificazioni tecniche.

Continua a leggere su Diritto dei servizi pubblici locali

Questo contenuto è stato selezionato per i nostri lettori dallo Studio legale Tessarolo, editore di Diritto dei servizi pubblici e partner di Centro Studi Enti Locali.

Diritto dei servizi pubblici è una rivista giuridica telematica che, dal 2001, raccoglie informazioni, articoli, leggi, sentenze ed altri provvedimenti su numerosi argomenti di diritto, con particolare riferimento al diritto dei servizi pubblici locali, a cura dello Studio Legale Tessarolo.


Related Articles

Commissione europea: per l’Italia 2 anni di crescita all’orizzonte

Crescita del Pil, diminuzione del deficit e aumento dell’occupazione: sono di segno positivo le previsioni che la Commissione europea ha

Tributi locali: al via alcune semplificazioni nella procedura di rimborso

Con una breve Nota del 22 luglio 2016, il Mef-Dipartimento delle Finanze, ha annunciato l’introduzione di alcune semplificazioni nella procedura

Edilizia scolastica: approvate le norme tecniche per la prevenzione degli incendi nelle Scuole

Con Decreto 7 agosto 2017, emanato dal Ministero dell’Interno di concerto con il Miur e pubblicato sulla G.U. n. 197

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.