Offerta economica: non comporta anomalie l’utile modesto

Offerta economica: non comporta anomalie l’utile modesto

Nella Sentenza n. 211 del 22 gennaio 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, i Giudici rilevano che nella gara pubblica la valutazione di anomalia dell’offerta va fatta considerando tutte le circostanze del caso concreto, dato che un utile all’apparenza modesto può comportare un vantaggio significativo sia per la prosecuzione in sé dell’attività lavorativa, sia per la qualificazione, la pubblicità, il curriculum derivanti per l’impresa dall’essere aggiudicataria e dall’aver portato a termine un appalto pubblico, cosicché nelle gare pubbliche non è possibile stabilire una soglia minima di utile al di sotto della quale l’offerta deve essere considerata anomala, al di fuori dei casi in cui il margine positivo risulta pari a zero. Il giudizio sull’anomalia è un giudizio molto discrezionale, espressione paradigmatica di discrezionalità tecnica, sindacabile solo in caso di evidente e macroscopica erroneità o irragionevolezza.

Il Giudice amministrativo può sindacare le valutazioni della Pubblica Amministrazione sotto il profilo della logicità, ragionevolezza ed adeguatezza dell’istruttoria, ma non procedere ad una autonoma verifica della congruità dell’offerta e delle singole voci, che costituirebbe un’inammissibile invasione della sfera propria della Pubblica Amministrazione e tale sindacato rimane limitato ai casi di macroscopiche illegittimità. Peraltro, puntualizzano i Giudici, il procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta non ha carattere sanzionatorio e non ha per oggetto la ricerca di specifiche e singole inesattezze dell’offerta economica, mirando piuttosto ad accertare in concreto che l’offerta, nel suo complesso, sia attendibile ed affidabile in relazione alla corretta esecuzione dell’appalto. Esso mira piuttosto a garantire e tutelare l’interesse pubblico concretamente perseguito dall’Amministrazione attraverso la procedura di gara per l’effettiva scelta del miglior contraente possibile ai fini dell’esecuzione dell’appalto, così che l’esclusione dalla gara dell’offerente per l’anomalia della sua offerta è l’effetto della valutazione (operata dall’Amministrazione appaltante) di complessiva inadeguatezza della stessa rispetto al fine da raggiungere.

Sentenza n. 211 del 22 gennaio 2016 – Consiglio di Stato


Related Articles

Contratto del Professionista con la Pubblica Amministrazione: necessaria la forma scritta

Nell’Ordinanza n. 11465 del 15 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno chiarito che il contratto

Durc: nelle gare non sono consentite regolarizzazioni postume della posizione previdenziale

Nella Sentenza n. 2727 del 21 giugno 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici statuiscono che nelle gare

Responsabilità amministrativa: condanna di Amministratori comunali per aver assunto spese legali in un ricorso per motivi elettorali

Corte dei conti – Sezione giurisdizionale d’appello per la Regione siciliana – Sentenza n. 358 del 22 luglio 2014 Oggetto