Offerte tecniche: differenza tra varianti non consentite e miglioramenti ammessi

Offerte tecniche: differenza tra varianti non consentite e miglioramenti ammessi

Nella Sentenza n. 1808 del 3 marzo 2021 del Consiglio di Stato, la questione controversa riguarda la distinzione tra varianti non consentite e miglioramenti ammessi rispetto ai progetti posti a base di gara.

I Giudici affermano che, in sede di gara d’appalto e allorquando il sistema di selezione delle offerte sia basato sul criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, le soluzioni migliorative si differenziano dalle varianti perché le prime possono liberamente esplicarsi in tutti gli aspetti tecnici lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del Progetto posto a base di gara ed oggetto di valutazione delle offerte dal punto di vista

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Esenzione Ici: non si applica se le attività di natura istituzionale non sono riconducibili all’Ente pubblico che lo ha dato in concessione

Nella Sentenza n. 16797 del 7 luglio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame ha ad oggetto

Durc irregolare: determina l’esclusione dell’Impresa dall’appalto pubblico

Nella Sentenza n. 1153 del 27 novembre 2014 del Tar Emilia Romagna, la controversia nasce da una gara indetta da

Versamenti dovuti in seguito a controlli automatizzati: istituiti nuovi codici-tributo per pagamenti parziali

Con la Risoluzione n. 90/E del 20 ottobre 2015, l’Agenzia delle Entrate ha istituito 6 codici-tributo per consentire il versamento

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.