Offerte tecniche: non possono essere rivalutate dopo l’apertura delle offerte economiche

Offerte tecniche: non possono essere rivalutate dopo l’apertura delle offerte economiche

Nella Sentenza n. 2819 del 7 aprile 2021 del Consiglio di Stato, i Giudici osservano che se è vero, in via generale, che l’annullamento (è irrilevante se in sede giurisdizionale o in autotutela) di un atto inserito in una sequenza procedimentale (e diverso, ovviamente, da quello conclusivo) comporta la rinnovazione dei soli atti successivi ad esso, e non comporta la caducazione di quelli anteriori, è anche vero che tale regola dev’esser armonizzata e coordinata, nelle procedure di aggiudicazione di un appalto, con il Principio che impone la segretezza delle offerte (a tutela dell’imparzialità delle operazioni di gara e della par condicio dei concorrenti). Tale regola implica che, nei casi in cui la procedura di gara sia caratterizzata da una netta separazione tra la fase della valutazione dell’offerta tecnica e quella dell’offerta economica (come nel caso in esame, in cui la Stazione appaltante ha scelto il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa) le offerte economiche devono restare segrete fino alla conclusione della fase relativa alla valutazione di quelle tecniche, a presidio della genuinità, della trasparenza e della correttezza delle operazioni valutative (che resterebbero irrimediabilmente compromesse e inquinate da un’anticipata conoscenza del contenuto delle offerte economiche). Peraltro, i Giudici puntualizzano che per violare il Principio della segretezza delle offerte non è infatti necessaria la dimostrazione dell’effettiva conoscenza delle offerte da parte della nuova Commissione, ma è sufficiente l’astratta conoscibilità delle stesse, quale effetto dell’apertura delle relative buste e della potenziale diffusione del loro contenuto.


Related Articles

Servizio “Energia termica”: legittimo preferire Convenzione Consip a procedura di “project financing”

Nella Sentenza n. 335 dell’11 ottobre 2017 del Tar Friuli Venezia Giulia, la questione controversa in esame riguarda la legittimità

Entrate tributarie: nei primi 9 mesi dell’anno sono state superiori di 11 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2015

Nel periodo gennaio-settembre 2016 le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 313.457 milioni

Servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria: serve il libero professionista

Nel Parere n. 116 del 24 giugno 2015 l’Anac si esprime sul caso di un Comune che, mediante avviso pubblico,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.