“PagoPA”: gli Enti pubblici potranno riscuotere le fatture, dal 28 febbraio 2021, anche tramite un normale bonifico bancario?

“PagoPA”: gli Enti pubblici potranno riscuotere le fatture, dal 28 febbraio 2021, anche tramite un normale bonifico bancario?

Il testo del quesito:

Presto la possibilità di utilizzo di ‘PagoPA’ diventerà obbligatoria, ma abbiamo letto che per superare le obiezioni sollevate dall’Antitrust non sarà obbligatorio permettere i pagamenti con il solo Sistema ‘PagoPA’. Risulta anche a lei questa possibilità, ossia questa facoltà per l’Ente ? Gli Enti della Pubblica Amministrazione potranno riscuotere le fatture, dal 28 febbraio 2021, anche tramite un normale bonifico bancario da parte del cliente ?”.

La risposta dei ns. esperti.

Per chiarire il requisito devono essere definiti almeno 3 aspetti del Sistema PagoPA: l’ambito soggettivo, l’ambito oggettivo e la finalità del modello di pagamento in questione, richiesto dall’art. 5 del “Cad”.

Partiamo da quest’ultimo. “PagoPA” non è uno strumento di pagamento ma una modalità di colloquio tra prestatore del servizio di pagamento e l’Ente basata su procedure e file strutturati xml standardizzati al fine di garantire l’interoperabilità tra applicativi utile a generare processi automatizzati di rendicontazione e riconciliazione delle entrate dell’ente. Per sua natura “PagoPA” è neutrale rispetto allo strumento di pagamento avendo al suo interno aderito ad oggi 379 prestatori di servizi di pagamento che possono essere liberamente scelti dal debitore per pagare l’Ente nei diversi canali analogici ed elettronici previsti dagli stessi.

Rispetto all’ambito soggettivo, l’art. 5 del “Cad” stabilisce l’obbligo di utilizzo di “PagoPA” solo per le Pubbliche Amministrazioni di cui all’art 1, comma 2, del Dlgs n. 165/2001 e le Società a controllo pubblico (“Decreto Madia”: Legge-delega n. 124/2015 e Dlgs. n. 175/2016), lasciando piena facoltà per cittadini e Imprese di scegliere di utilizzarlo o meno.

Rispetto all’ambito oggettivo, le regole tecniche riconducono tutti i pagamenti ad eccezione:

  1. delega unica “F24”, nei casi in cui è obbligatorio (art. 17 del Dlgs. n. 241/1997);
  2. Sepa Direct Debit (“Sdd”) – (ex Rid) – fino alla sua integrazione in “PagoPA”;
  3. eventuali altri servizi di pagamento non ancora integrati e che non risultino sostituibili con quelli erogati in “PagoPA” per previsione di legge;
  4. pagamenti per cassa.

Inoltre, il Sistema mette a disposizione anche un’interfaccia Wisp mediante la quale l’utente sceglie la modalità di pagamento confrontando costi di commissioni applicati dai diversi “Psp”. La segnalazione dell’Antitrust richiamato nell’articolo del quesito infatti non critica tanto la libertà del cittadino di scegliere la modalità di pagamento per pagare i suoi debiti nei confronti della P.A. mediante “PagoPA”, ma piuttosto l’incertezza normativa generata dal susseguirsi di modifiche applicative dovute in parte alla mancata maturità del sistema, nonché la possibilità di utilizzare il “Sdd”, che come specificato dalle regole tecniche è esonerato da “PagoPA” almeno fino alla sua integrazione.

di Cesare Ciabatti


Related Articles

Tia: il Concessionario può richiedere al contribuente l’Iva in rivalsa visto la natura privatistica del loro rapporto

Corte di Cassazione – Sentenza 12 novembre 2020, n. 25519 E’ legittimo l’esercizio del diritto di rivalsa dell’Iva sulla Tia,

Mobilità tra Enti: è ancora possibile? Dalla Corte dei conti due indicazioni opposte

Lombardia: se finanziariamente neutra la mobilità è ancora consentita negli anni 2015 e 2016 Nella Delibera n. 85 del 24

Imu e Tasi: fissati i coefficienti di aggiornamento dei fabbricati del Gruppo catastale “D” per il 2016

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, ha diffuso sul proprio sito istituzionale il Dm. 29 febbraio

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.