Parcheggi: non sempre il Comune è in difetto se vicino alle strisce blu non ci sono aree di sosta gratuite  

Parcheggi: non sempre il Comune è in difetto se vicino alle strisce blu non ci sono aree di sosta gratuite   

La Corte di Cassazione con l’Ordinanza n. 24939 del 24 novembre 2014 ha precisato che non sempre il Comune è in difetto se vicino alle zone blu non ha attivato aree di sosta senza limitazioni. In particolare la Suprema Corte ha osservato che gli artt. 7 e 8 del “Codice della strada” prevedono 3 eccezioni importanti alla generale regola dei parcheggi liberi vicino a quelli a pagamento, contrassegnati da strisce blu. Infatti, oltre alle zone pedonali, alle zone a traffico limitato e ai centri storici di particolare pregio, è possibile per i Comuni derogare al criterio generale sopra citato anche in altre zone di cosiddetta rilevanza urbanistica, nelle quali sussistano esigenze e condizioni particolari di traffico, purché l’Amministrazione motivi adeguatamente la sua Determinazione.


Tags assigned to this article:
parcheggistrisce blu

Related Articles

Contratti pubblici: estesa ai Comuni la possibilità di acquisti autonomi inferiori a Euro 40.000

Con il Comunicato 8 gennaio 2016, il Presidente dell’Anac rende noto, ad integrazione e parziale rettifica di quanto previsto nel

Porti turistici: niente aumento automatico dei canoni demaniali

Nella Sentenza n. 29 del 27 gennaio 2017 della Corte Costituzionale, è stata sollevata la questione di legittimità costituzionale dell’art.

Appalti pubblici per manutenzioni: non danno diritto a percepire incentivi per funzioni tecniche

Nella Delibera n. 140 del 28 settembre 2018 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto se gli appalti pubblici per