Partecipate pubbliche in Italia: sebbene siano in calo, cresce il numero  di addetti 

Partecipate pubbliche in Italia: sebbene siano in calo, cresce il numero  di addetti 

Sono 9.655 le Società partecipate italiane censite nel corso dell’ultima rilevazione Istat, riferita al 2015 e diffusa il 23 ottobre 2017. Rispetto all’anno precedente il numero delle Società è diminuito del 2,1% (erano 9.867) ma paradossalmente l’andamento del personale ivi impiegato è stato inversamente proporzionale al numero delle stesse, passando dagli 846.283 addetti del 2014 agli 882.012 dell’anno successivo (+4,3%).

I Settori in cui si concentra la partecipazione pubblica si confermano quelli energetici, infrastrutturali e dei servizi avanzati. Il 59,9% delle unità economiche partecipate è a controllo pubblico.

Tra le unità a partecipazione pubblica, le imprese attive sono 6.859 e impiegano 848.707 addetti (96,2% degli addetti di tutte le partecipate). Le imprese non attive che hanno presentato nel 2015 una dichiarazione contabile o fiscale sono invece 1.092 (-4% rispetto al 2014). I Settori con il maggior numero di imprese partecipate attive sono le Attività professionali, scientifiche e tecniche (vi opera il 14,3% delle partecipate e il 3,2% degli addetti) e il Settore del Trasporto e Magazzinaggio (rispettivamente 10,6% e 38,1%).

Le imprese attive partecipate da almeno una P.A. regionale o locale si riducono del 12,7% rispetto all’anno precedente, con una flessione in termini di addetti del 12% (-46.847 addetti).

Le imprese attive a controllo pubblico sono 4.249 con 621.926 addetti. Al netto delle attività finanziarie e assicurative, generano quasi 54 miliardi di valore aggiunto, pari al 10% di quello realizzato dal complesso delle imprese dell’industria e dei servizi.

La produttività del lavoro, in termini di valore aggiunto per addetto, è di quasi il 50% superiore a quella delle aziende con le stesse forme giuridiche non partecipate dal Settore pubblico (oltre 88.000Euro rispetto a circa 59.000). Questo effetto medio è ampiamente determinato dalla differente composizione settoriale e dimensionale delle partecipate pubbliche. Tuttavia, i livelli di produttività del lavoro delle imprese controllate dalla P.A. risultano superiori a quelli medi in tutte le classi di addetti delle imprese.

Il 76,5% delle controllate pubbliche ha registrato un utile d’esercizio, il 23,5% una perdita. La quota di controllate pubbliche in perdita è diminuita rispetto al 2014, quando era stata pari al 27,4%.

Le controllate pubbliche registrano nel 2015 perdite per circa 3,8 miliardi di Euro (con una flessione di 738 milioni rispetto al 2014) e utili per oltre 10,6 miliardi di Euro (-107 milioni circa rispetto al 2014), con un saldo complessivo positivo di circa 6,8 miliardi.


Related Articles

Imposta di bollo virtuale: un vademecum per l’Ente Locale sulle regole di assolvimento

Riepiloghiamo le regole di assolvimento dell’Imposta di bollo in modo virtuale, modalità, ad avviso di chi scrive, ancora non molto

Inps “Gestione Dipendenti Pubblici”: attiva la procedura per inviare le Note di rettifica

  Con il Messaggio n. 4025 pubblicato il 17 ottobre 2017 sul proprio sito istituzionale, l’Inps ha fornito delle indicazioni

“Tusp”: la definizione dell’attività prevalente ex art. 16 nelle Società capogruppo “in house”

Viene esaminata in questa sede la questione attinente il rilievo che può avere il fatturato generato dalla Società controllata sulla