Per il Cndcec non serve il parere dei Revisori per il Dup

Per il Cndcec non serve il parere dei Revisori per il Dup

Con una Nota, il Consiglio nazionale dei Dottori commercialisti ed Esperti contabili, Commissione revisione Enti pubblici Cndcec, ha osservato che, in base a quanto puntualizzato dalla Nota n. 9/15 della Arconet, il termine del 31 ottobre 2015 si riferisce alla presentazione al Consiglio, per le conseguenti Deliberazioni, del Dup 2016-2018 approvato dalla Giunta. L’art. 239 del Tuel prevede che l’Organo di revisione economico finanziaria deve esprimersi solo su proposte di Deliberazioni da sottoporre ad approvazione consiliare; quindi, in caso di presentazione del Dup al Consiglio, secondo il Cndcec, non è obbligatorio acquisire il parere dell’Organo di revisione. Inoltre, il Cndcec

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Responsabilità amministrativa: assoluzione relativa alla liquidazione di spese legali a seguito di contenzioso per la vendita di un immobile

Corte dei conti – Sezione prima giurisdizionale centrale d’Appello – Sentenza n. 147 del 12 febbraio 2015   Oggetto Assoluzione

Prestazioni di collaudo o arbitrato rese da dipendenti pubblici: beneficiario della quota di risparmio è l’Ente di provenienza

Nella Delibera n. 12 del 27 marzo 2015 della Corte dei conti Autonomie viene chiesto se la riduzione del 50%

Riscossione: fissate le modalità di discarico delle quote inesigibili di ruoli di valore inferiore a 2.000 Euro e resi esecutivi fino al 1999

Il Decreto Mef 15 giugno 2015, rubricato “Modalità di trasmissione agli enti creditori, con riferimento ai ruoli resi esecutivi fino