Periodo di prova: nessuna garanzia di conservazione del posto per chi ha vinto un concorso in una P.A. non contrattualizzata

Periodo di prova: nessuna garanzia di conservazione del posto per chi ha vinto un concorso in una P.A. non contrattualizzata

L’Aran, con il recente Orientamento applicativo Cfl_53, ha fornito indicazioni in merito alla corretta applicazione della disposizione dell’art. 20, comma 10, del Ccnl. Funzioni locali 21 maggio 2018, che prevede l’obbligo, da parte dell’Ente di provenienza, alla conservazione del posto senza retribuzione al dipendente a tempo indeterminato che sia vincitore di concorso presso un altro Ente o Amministrazione per un arco temporale corrispondente alla durata del periodo di prova.

In particolare, il nuovo Ccnl. Funzioni locali 21 maggio 2018 (in continuità con la precedente previsione dell’art. 14-bis, comma 9, del Ccnl. 6 luglio 1995), ha previsto che la citata garanzia della conservazione del posto, presso l’Ente di provenienza, è soggetta a limitazioni di operatività, qualora il concorso avvenga in un Ente di destinazione il cui Contratto non sia stato sottoscritto in sede Aran ovvero non disciplini, nell’ambito della sua Contrattazione collettiva, una clausola di contenuto analogo che riconosca, ai dipendenti vincitori di concorso presso il Comparto “Funzioni locali”, il diritto alla conservazione del posto nell’Ente di provenienza, per la durata del periodo di prova.

Il chiarimento è originato dalla richiesta di un Ente Locale che aveva chiesto all’Agenzia se dovesse o meno essere prevista la conservazione del posto di lavoro di un dipendente a tempo indeterminato che aveva vinto un concorso per consigliere di Prefettura, la cui durata del periodo di prova risulta pari a un anno presso l’Ente o Amministrazione di destinazione.

L’Aran, nel caso di specie, ha negato il diritto del dipendente alla conservazione del posto di lavoro, in ragione di quanto previsto dal comma 12 della norma sopra citata, che prevede che il diritto alla conservazione del posto si applica anche al dipendente in prova proveniente da un Ente di diverso Comparto il cui Contratto collettivo preveda analoga disciplina, condizione non presente in caso di una vincita di concorso del personale appartenente alla carriera prefettizia che, in base all’art. 3 del Dlgs. n. 165/2001, rientra tra i dipendenti delle Amministrazioni ancora assoggettate a regime pubblicistico per gli aspetti concernenti il trattamento giuridico ed economico del proprio personale.

Resta confermata pertanto la possibilità di conservazione del posto solo nel caso congiunto in cui il Contratto collettivo, dell’Amministrazione pubblica di destinazione del dipendente vincitore di concorso, sia stato sottoscritto in sede Aran e che abbia disciplinato la condizione di reciprocità della garanzia anche in senso inverso presso il Comparto delle “Funzioni locali”.


Related Articles

Condanna Amministratori comunali per aver deliberato una fideiussione bancaria a favore di una Società partecipata

Corte dei conti – Sezione Seconda giurisdizionale centrale d’Appello – Sentenza n. 742 del 21 dicembre 2018 Oggetto: Condanna Amministratori

Assunzioni di assistenti sociali: è necessario ricorrere allo scorrimento di graduatorie esistenti

Nella Delibera n. 149 del 12 novembre 2015 della Corte dei conti Umbria,viene chiesto se sia possibile accedere a graduatorie

Patto di stabilità interno: rese note le sanzioni per le violazioni relative all’anno 2015, individuate a seguito di accertamento successivo

Con il Comunicato n. 2 del 2 maggio 2019, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha reso nota l’avvenuta

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.