Personale dipendente in appalto pubblico: la scelta del Contratto collettivo da applicare è appannaggio dell’imprenditore

Personale dipendente in appalto pubblico: la scelta del Contratto collettivo da applicare è appannaggio dell’imprenditore

Nella Sentenza n. 932 del 1° marzo 2017 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sul Contratto collettivo da applicare al personale dipendente in un appalto pubblico.

Al riguardo, i Giudici affermano che la scelta del Contratto collettivo da applicare rientra nelle prerogative di organizzazione dell’imprenditore e nella libertà negoziale delle parti, col solo limite che esso risulti coerente con l’oggetto dell’appalto. Inoltre, si legge nella Sentenza che “né è da considerarsi anomala l’offerta quando la stessa è riconducibile al minor costo del lavoro per il contratto da essa applicato al proprio personale rispetto a quello applicato da altra impresa se nella lexspecialis di gara si richiede l’indicazione non di un contratto specifico ma – come, nel caso di specie, per i lavoratori diversi da quelli riassorbiti – semplicemente di quale sia il contratto applicato e, peraltro, le mansioni richieste per l’esecuzione del servizio sono riconducibili a più figure professionali, inquadrabili anche nelle previsioni di diverse tipologie contrattuali”.


Related Articles

Accertamenti: la notifica con poste private antecedente al 10 settembre 2017 è illegittima

Nell’Ordinanza n. 2173 del 29 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda la notificazione di

Spesa di personale: è corretto il calcolo delle limitazioni al “Fondo salario accessorio” tramite file Excel predisposto dall’Aran

Nella Delibera n. 38 del 12 aprile 2017 della Corte dei conti Liguria, viene chiesto un parere riguardante la spesa

Centrali uniche di committenza: al via il Tavolo tecnico dei soggetti aggregatori  

Con il Dpcm. 14 novembre 2014, pubblicato sulla G.U. n. 15 del 20 gennaio 2015, la Presidenza del Consiglio dei