Personale dipendente in appalto pubblico: la scelta del Contratto collettivo da applicare è appannaggio dell’imprenditore

Personale dipendente in appalto pubblico: la scelta del Contratto collettivo da applicare è appannaggio dell’imprenditore

Nella Sentenza n. 932 del 1° marzo 2017 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sul Contratto collettivo da applicare al personale dipendente in un appalto pubblico.

Al riguardo, i Giudici affermano che la scelta del Contratto collettivo da applicare rientra nelle prerogative di organizzazione dell’imprenditore e nella libertà negoziale delle parti, col solo limite che esso risulti coerente con l’oggetto dell’appalto. Inoltre, si legge nella Sentenza che “né è da considerarsi anomala l’offerta quando la stessa è riconducibile al minor costo del lavoro per il contratto da essa applicato al proprio personale rispetto a quello applicato da altra impresa se nella lexspecialis di gara si richiede l’indicazione non di un contratto specifico ma – come, nel caso di specie, per i lavoratori diversi da quelli riassorbiti – semplicemente di quale sia il contratto applicato e, peraltro, le mansioni richieste per l’esecuzione del servizio sono riconducibili a più figure professionali, inquadrabili anche nelle previsioni di diverse tipologie contrattuali”.


Related Articles

Conferenza unificata: Anci chiede convocazione urgente su ristoro gettiti Imu e Tasi aboliti

Con il Comunicato 26 luglio 2016, l’Anci ha reso noto di aver chiesto – con una lettera inviata al Ministero

Uffici giudiziari: dal 1˚ settembre 2015 non graveranno più sui bilanci dei Comuni

Il Consiglio dei Ministri, riunitosi il 3 luglio 2015 a Palazzo Chigi, ha approvato il Regolamento attuativo dell’art. 1, comma

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a settembre 2016

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 261 dell’8 novembre 2016 il Comunicato dell’Istat contenente l’aggiornamento al mese di settembre 2016