Personale P.A.: via libera della Corte di Giustizia Ue alla trasformazione di part-time in tempo pieno

Personale P.A.: via libera della Corte di Giustizia Ue alla trasformazione di part-time in tempo pieno

La Corte di Giustizia Ue, con la Sentenza C-221/13 del 15 ottobre 2014, ha affermato che un datore di lavoro può trasformare un part-time in un tempo pieno senza consultare il lavoratore e quindi anche contro il suo parere. Nello specifico la pronuncia in questione si è espressa su una funzionaria di un Tribunale italiano che ha fatto ricorso contro la fine del suo part-time, trasformato, senza consultarla, in un tempo pieno. Secondo la Corte, l’accordo quadro sul lavoro a tempo parziale “ammette una normativa che consente al datore di lavoro di disporre, per ragioni obiettive, la trasformazione del contratto di lavoro da contratto a tempo parziale in contratto a tempo pieno senza il consenso del lavoratore interessato”. La Corte puntualizza che in virtù della Legge n. 183/10, tutte le Amministrazioni Pubbliche possono (entro 180 giorni dall’entrata in vigore della stessa), nel rispetto dei principi di correttezza e buona fede, sottoporre a nuova valutazione i provvedimenti di concessione della trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale già adottati.



Related Articles

“Servizio raccolta rifiuti”: il Comune deve perseguire contenimento della spesa e erogazione di prestazioni soddisfacenti per la collettività

Nella Delibera n. 1 del 7 gennaio 2015 della Corte dei conti Toscana, un Comune toscano, in qualità di partecipante

Personale: la Corte Valle d’Aosta conferma l’illegittimità del trasferimento da una Società “in house” ad un Ente pubblico

Nella Delibera n. 10 del 10 agosto 2017 della Corte dei conti Valle d’Aosta, la questione controversa in esame riguarda

Crediti d’imposta per botteghe e negozi e per canoni di locazione ed affitto d’azienda: il Provvedimento che disciplina la cessione

Con il Provvedimento 1° luglio 2020, l’Agenzia delle Entrate ha fornito le Istruzioni agli operatori che intendono cedere a terzi