“Piani urbanistici particolareggiati”: se salta l’agevolazione nessuna sanzione per la mancata denuncia

E’ stata pubblicata in data 9 aprile 2014 la Risoluzione n. 37/E con la quale l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che non è dovuta alcuna sanzione per la decadenza dell’agevolazione fiscale prevista per il trasferimento di immobili inseriti in “Piani urbanistici particolareggiati”, dovuta alla mancata edificazione dell’area negli 11 anni successivi all’acquisto o all’alienazione del terreno prima di avere ultimato l’opera residenziale programmata.

La questione oggetto del quesito nasce dall’art. 1, comma 25, Legge n. 244/07 (“Finanziaria 2008”), che ha inserito all’art. 1 della Tariffa, Parte I, del Tur, un regime agevolato, con Imposta di registro all’1%, per le compravendite di terreni inseriti in “Piani urbanistici particolareggiati” finalizzate all’attuazione di programmi di edilizia residenziale.

Il contribuente, per poter beneficiare dello sconto, deve:

– completare l’opera edificatoria prevista dal Piano urbanistico entro 5 anni, termine prorogato di ulteriori 6 anni e portato a 11 anni dall’art. 6, comma 6, del Dl. n. 102/13;

– non alienare l’immobile prima di aver realizzato la costruzione.

L’Agenzia delle Entrate ricorda che, avendo essa in entrambi i casi la possibilità di verificare, utilizzando strumenti e documenti già in suo possesso, il rispetto di tali vincoli, il contribuente non deve informare il Fisco del venir meno delle condizioni che hanno fatto scattare l’Imposta di registro “scontata”.

La Risoluzione in commento afferma quindi che, in base a tali presupposti, non sono dovute, né la sanzione per la mancata denuncia ai sensi dell’art. 19 del Tur (art. 69, Dpr. n. 131/86), né per il tardivo pagamento del Tributo. In conseguenza di questa affermazione, una volta decaduta l’agevolazione, l’Agenzia delle Entrate dovrà limitarsi a recuperare la differenza tra l’Imposta ad aliquota ordinaria e quella ad aliquota agevolata, più gli interessi di mora, dalla data di registrazione dell’atto di acquisto del terreno edificabile inserito nel “Piano urbanistico particolareggiato”.

Per maggior chiarezza, l’Agenzia delle Entrate ha precisato “che la misura agevolativa di cui sopra concerne gli atti stipulati fino al 31 dicembre 2013 in quanto, per effetto dell’art. 10, comma 4, del Dlgs 14 marzo 2011, n. 23, risulta soppressa dal 1° gennaio 2014 insieme a tutte le esenzioni ed agevolazioni tributarie’, ancorché previste da leggi speciali”.


Tags assigned to this article:
piani urbanistici

Related Articles

Rendiconto di gestione 2017: al via la compilazione, attraverso il Sistema “Con.Te”, dei Questionari per i Revisori dei conti

Gli Organi di revisione degli Enti Locali possono trasmettere, dal 4 febbraio 2019, il Questionario relativo al rendiconto di gestione

Impiego pubblico privatizzato: giurisdizione Giudice ordinario

Nell’Ordinanza n. 8799 del 5 aprile 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sulla giurisdizione delle

Ici: l’esenzione ex art. 7, comma 1, lett. i), Dlgs. n. 504/92, non opera in caso di utilizzo indiretto dell’immobile da parte dell’Ente proprietario

Nell’Ordinanza n. 23925 dell’11 ottobre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda un avviso di accertamento

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.