Piano urbanistico comunale: modifiche introdotte dalla Regione al momento dell’approvazione

Piano urbanistico comunale: modifiche introdotte dalla Regione al momento dell’approvazione

Nella Sentenza n. 7027 del 13 novembre 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici rilevano che, con particolare riferimento all’obbligo di ripubblicazione del Piano urbanistico comunale a seguito delle modificazioni che possono essere introdotte dalla Regione al momento dell’approvazione, si è altresì puntualizzato che occorre distinguere tra modifiche “obbligatorie” (in quanto indispensabili per assicurare il rispetto delle previsioni del Piano territoriale di coordinamento, la razionale sistemazione delle opere e degli impianti di interesse dello Stato, la tutela del Paesaggio e dei complessi storici, monumentali, ambientali e archeologici, l’adozione di standard urbanistici minimi), modifiche “facoltative” (consistenti in innovazioni non sostanziali) e modifiche “concordate” (conseguenti all’accoglimento di osservazioni presentate al piano ed accettate dal Comune). Mentre per le modifiche “facoltative” e “concordate”, ove superino il limite di rispetto dei canoni guida del Piano adottato, sussiste l’obbligo della ripubblicazione da parte del Comune, diversamente, per le modifiche “obbligatorie” tale obbligo non sorge, poiché proprio il carattere dovuto dell’intervento regionale rende superfluo l’apporto collaborativo del privato, superato e ricompreso nelle scelte pianificatorie operate in sede regionale e comunale, come risulta essersi verificato nella fattispecie in esame. Tuttavia, i Giudici, a supporto della conclusione sopra esposta, hanno affermato che la necessità di ripubblicazione del Piano viene quindi ritenuta sussistere allorché, in un qualunque momento della procedura che porta alla sua approvazione, vi sia stata una sua rielaborazione complessiva, cioè un mutamento delle sue caratteristiche essenziali e dei criteri che alla sua impostazione presiedono. Infine, deve escludersi che si possa parlare di rielaborazione complessiva del Piano quando, in sede di approvazione, vengano introdotte modifiche che riguardano la disciplina di singole aree o singoli gruppi di aree.


Related Articles

“Art Bonus”: credito d’imposta riconosciuto per erogazioni liberali a sostegno di Fondazioni istituite da Enti pubblici

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 136/E del 7 novembre 2017, ha fornito chiarimenti sulla modalità di applicazione del

“Servizi Demografici”: pubblicate le specifiche tecniche per l’accesso ai servizi dell’Anpr da parte dei Comuni

Sul Portale informativo di Anpr (“Anagrafe nazionale della popolazione residente”) www.anpr.interno.it è stata pubblicata la documentazione tecnica concernente l’accesso da

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.