“Pnrr” e Comuni: nel 2021 varati bandi per circa 25 miliardi

“Pnrr” e Comuni: nel 2021 varati bandi per circa 25 miliardi

DOSSIER A CURA DI CENTRO STUDI ENTI LOCALI

Tempo e capacità di misurare l’impatto sul territorio dell’impiego delle risorse sono la vera sfida per il futuro

Obiettivo avviare tutti i cantieri entro dicembre 2023, pena il fallimento delle parti del Piano affidate nelle mani dei Comuni

Tra le tante cose per le quali ricorderemo il 2021 c’è l’approvazione e l’avvio del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). Un programma epocale che si auspica impatterà sull’intero Paese in maniera forte e la cui attuazione ha scalato rapidamente anche l’agenda delle priorità delle amministrazioni comuni, piazzandosi ai primi posti.  Sono passati meno di 6 mesi dall’approvazione definitiva del Piano ma, come ormai noto, l’imperativo è fare presto (e bene) per non rischiare di vedere andare in fumo buona parte delle risorse che l’Italia si è aggiudicata – almeno sulla carta – nell’ambito della concertazione con le autorità europee.

A che punto siamo con l’attuazione di quella parte del Piano (circa 60 miliardi) la cui messa a terra è affidata agli enti locali?

L’implementazione del PNRR è ormai decisamente entrata nel vivo. Incalzati da Palazzo Chigi che, in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi 2021, non potrà contare sulla seconda tranche di risorse attese da Bruxelles, i Ministeri negli ultimi mesi si sono affannati a diffondere bandi e avvisi, molti dei quali con riflessi diretti anche sugli enti locali. Stando alle stime di Centro Studi Enti Locali, i bandi che riguardano gli enti territoriali che sono stati varati ad oggi insieme pesano circa 25 miliardi. Tra le voci più pesanti, in termine di volume d’affari, ci sono i 3 miliardi del “Piano per gli Asili nido e le Scuole dell’infanzia”, i 3,2 miliardi stanziati per infrastrutture idriche, sviluppo Zes e Piste ciclabili urbane e turistiche, i 2,6 miliardi messi in campo dai 7 bandi del Mite per Regioni, Province e Comuni che riguardano la gestione dei rifiuti, i 2,5 miliardi circa destinati ai Progetti relativi a “Piani urbani integrati” e i 1.020 milioni riconducibili al Bando sulla rigenerazione culturale e sociale dei piccoli Borghi storici.

La premessa

Il Consiglio dell’Economia e delle Finanze dell’Unione Europea ha ufficialmente approvato il Piano nazionale di ripresa e resilienza italiano il 13 luglio 2021, insieme ad altri 11 piani presentati da altrettanti Paesi membri. Questo passaggio, che ha fatto seguito all’approvazione da parte della Commissione europea dello scorso 22 giugno 2021, ha rappresentato il via libera definitivo, indispensabile per sbloccare l’erogazione del prefinanziamento pari al 13,9% % dell’importo totale del “Pnrr”.

L’Italia, sulla base dei 51 obiettivi intermedi che avevano come scadenza il 31 dicembre 2021 e che il Premier ha dichiarato essere stati raggiunti il 24 dicembre scorso, potrà richiedere la prima vera tranche di risorse vincolata a milestones e target. Questa varrà circa 11,5 miliardi e sarà erogata a inizio 2022 a condizione che la Commissione europea avalli quanto dichiarato dal Governo italiano e consideri effettivamente realizzati tutti gli obiettivi che erano stati prefissati.

La sfida

Una delle novità del PNRR è il fatto di essere uno strumento basato sulla performance. La Commissione Ue pagherà, non tanto basandosi sulla spesa (sebbene anche questa dovrà ovviamente essere opportunamente rendicontata) ma si focalizzerà soprattutto sulla realizzazione degli obiettivi intermedi e di lungo periodo che ci siamo impegnati a raggiungere sulle singole linee di intervento. Questo segna un cambio di approccio radicale rispetto alla tradizionale gestione dei fondi strutturali ed implica una capacità di progettazione e implementazione molto più alta rispetto a quella richiesta per accedere ai programmi Ue tradizionali.

Una delle maggiori difficoltà per gli enti locali, oltre all’elemento temporale legato al serratissimo cronoprogramma dettato dalle autorità UE, sarà il fatto che, per la prima volta, questi enti dovranno dimostrarsi capaci di misurare in modo puntuale ed accurato l’impatto sul territorio derivante dall’utilizzo delle varie risorse incamerate nell’ambito dei bandi attuativi del PNRR.

Premesso che tutto il piano avrà riflessi forti a livello locale, la parte del piano di diretto interesse per gli enti locali (inteso come risorse che dovranno materialmente essere gestite da loro attraverso gare d’appalto) vale, secondo le stime del Ministero dell’Economia e delle Finanze, circa 60 miliardi di euro.

I comuni ricoprono un ruolo particolarmente cruciale, sia nell’attuazione della Missione 2 (che racchiude tutto il tema dell’efficientamento energetico e della gestione dei rifiuti) che nella Missione 5 (inclusione e coesione) che comprende la partita della rigenerazione urbana e il Piano urbano integrato.

Attualmente il quadro attuativo delle misure in questione è composito e disomogeneo. Mentre per alcune misure si è ancora in attesa della predisposizione e pubblicazione delle regole per accedere alle risorse (basti pensare ai fondi per il miglioramento della qualità e della fruibilità dei servizi pubblici digitali o ai progetti per valorizzare l’identità dei luoghi: parchi e giardini storici), per altre si è arrivati solo allo step della pubblicazione degli avvisi e dei bandi che scadranno nei prossimi mesi. E’ il caso, ad esempio, dei progetti sui Piani urbani integrati che dovranno essere presentati dalla Città metropolitane entro il 7 marzo 2022.

Infine, ci sono casi in cui si è già arrivati a uno stadio avanzato, con progetti presentati e graduatorie approvate. È il caso, ad esempio, dei Progetti di rigenerazione urbana e di edilizia residenziale pubblica presentati da Regioni, Comuni e Città metropolitane, e che valgono complessivamente 2,82 miliardi di euro. Le 159 proposte “vincenti” hanno incassato il via libera del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili già lo scorso ottobre. Va detto però che si tratta di un percorso che era già stato avviato nell’ambito del “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare” (Pinqua) e solo successivamente è stato incardinato nel PNRR.

Tutti i bandi del PNRR che riguardano direttamente gli enti locali, stando a quanto assicurato sia dai vertici del Mef che dall’Anci, dovranno essere varati entro il 30 giugno 2022. Questo perché un eventuale slittamento in avanti renderebbe improbabile che si arrivi, entro il 30 giugno 2026, all’effettiva realizzazione degli interventi da questi previsti. L’obiettivo è avviare tutti i cantieri entro dicembre 2023. Se si mancherà questo appuntamento, la messa a terra dei progetti, i cui soggetti attuatori sono gli enti locali, potrebbe essere irrimediabilmente compromessa e destinata a fallire.


Related Articles

Personale: definiti i nuovi livelli reddituali per la corresponsione degli assegni per il nucleo familiare 2016-2017

E’ stata pubblicata la Circolare Inps 27 maggio 2016, n. 92, avente ad oggetto “Corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare.

Società partecipate ed Aziende speciali: la copertura delle perdite da parte degli Enti Locali

Due recenti e coeve Delibere delle Sezioni regionali di controllo della Corte dei conti del Piemonte (Delibera n. 3 del

Iva: approvate le nuove istruzioni al Modello “AA7/10” di comunicazione variazione dati, con nessuna novità sostanziale per gli Enti Locali

  L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento Prot. 75295/2015 del 3 giugno 2015, ha approvato il Modello “AA9/12” (da utilizzare

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.