Polizia municipale: spese per previdenza integrativa

Polizia municipale: spese per previdenza integrativa

Nella Delibera n. 22 del 25 giugno 2015 della Corte dei conti Autonomie, la questione controversa in esame attiene, per un verso, alla natura giuridica da attribuire alle somme destinate alla previdenza complementare, nel caso di specie alla polizia municipale e, per altro verso, all’applicabilità delle diverse disposizioni adottate in materia di riduzione delle spese di personale dalla legislazione degli ultimi anni. La Sezione afferma che le somme accantonate a titolo di previdenza complementare per la polizia municipale debbono essere incluse nella spesa del personale oggetto di contenimento ai sensi dell’art. 1, comma 557 della Legge n. 296/06, mentre vanno escluse dal calcolo del trattamento economico complessivo dei singoli dipendenti di cui all’art. 9, commi 1 e 2-bis del Dl. n. 78/10, convertito dalla Legge n. 122/10.

Delibera n. 22 del 25 giugno 2015 della Corte dei conti Autonomie


Related Articles

La responsabilità penale è anche negli atti interni degli Uffici pubblici

Nella Sentenza n. 36213 del 7 aprile 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che, al fine

Segretari comunali e provinciali: nessun arretrato sulla retribuzione di risultato spetta in base al nuovo Ccnl.

A seguito della sottoscrizione del nuovo Ccnl. 2016-2018 del 17 dicembre 2020, non è riconoscibile alcun arretrato a titolo di

Applicazione dei limiti posti dalla normativa vigente alla spesa per il trattamento accessorio del personale

Nella Delibera n. 51 del 27 maggio 2020 della Corte dei conti Liguria, con riferimento a 2 iniziative progettuali finanziate