Prestazioni di collaudo o arbitrato rese da dipendenti pubblici: beneficiario della quota di risparmio è l’Ente di provenienza

Prestazioni di collaudo o arbitrato rese da dipendenti pubblici: beneficiario della quota di risparmio è l’Ente di provenienza

Nella Delibera n. 12 del 27 marzo 2015 della Corte dei conti Autonomie viene chiesto se la riduzione del 50% dei compensi relativi alle prestazioni di cui all’art. 61, comma 9, del Dl. n. 112/08, debba essere versata dall’Amministrazione conferente l’incarico, all’Amministrazione pubblica (statale e non) ove i dipendenti incaricati prestano servizio, oppure debba essere trattenuta affinché l’importo confluisca nei fondi per il finanziamento del trattamento accessorio del personale della stessa Amministrazione conferente. In sostanza, la questione sottoposta alla Sezione riguarda l’individuazione dell’Ente pubblico beneficiario della quota di risparmio, pari alla metà del compenso professionale, nell’ipotesi in cui le prestazioni

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Legge comunitaria”: nuove regole per il permesso di soggiorno individuale per i minori stranieri

La Legge 7 luglio 2016, n. 122, rubricata “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge

“Pnrr”: raggiunti i 45 Traguardi e Obiettivi previsti per il primo semestre 2022

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con una Notizia pubblicata sul proprio sito istituzionale il 29 giugno 2022, ha informato

Durc: il mancato versamento dei contributi del socio accomandatario comporta l’irregolarità e quindi l’esclusione dalla gara

Nella Sentenza n. 176 del 2 marzo 2015 del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia, la parte appellante