“#prideandprejudice”: avviata la campagna del Mef per riabilitare l’immagine del Paese 

“#prideandprejudice”: avviata la campagna del Mef per riabilitare l’immagine del Paese 

La cronaca nazionale e internazionale ci ha abituato a vedere l’Italia tra i fanalini di coda delle classifiche che misurano la competitività o la virtuosità della gestione della cosa pubblica. Ma c’è qualche aspetto rispetto al quale invece gli italiani sono piú virtuosi del resto d’Europa? Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ne ha scelti 6 e ha avviato una mini-campagna, denominata #prideandprejudice, volta  a riabilitare l’immagine del Paese, costantemente associato a una serie di indicatori negativi come il debito pubblico, la bassa competitività, il deficit nominale di bilancio.

Tuttavia – si legge in una Nota Mef18 novembre 214 – accanto a questi dati ci sono grandezze economiche utili a rappresentare l’Italia per ciò che è: uno dei Paesi principali del mondo sviluppato, il secondo Paese per produzione manifatturiera in Europa, la terza economia dell’Eurozona.Un Paese che negli ultimi 20 anni ha saputo tenere i propri conti sotto controllo collocandosi tra i più virtuosi in Europa e nel mondo”.

Il primo dato messo in evidenza dal Dicastero (che pubblicherà un nuovo dato per 6 giorni consecutivi) è quello relativo all’avanzo primario, il cui andamento è rappresentato nel grafico qui di seguito, diramato dal Mef.

INFOGRAFICA_PCT_V7

L’avanzo primario nei conti pubblici italiani– scrive il Mef – è tra i più alti del mondo e il più stabile negli ultimi 20 anni tra gli Stati Membri dell’Unione Europea. Nel 2013 l’avanzo primario in percentuale del Prodotto interno lordo è il secondo più alto, dietro soltanto alla Germania (per 0,16 punti percentuali) e pari al doppio dell’Austria che si colloca al terzo posto in questa classifica dei Paesi virtuosi”.


Tags assigned to this article:
ItaliaMefprideandprejudiceUE

Related Articles

“Pnrr”: a Palazzo Madama, fissata il 1° marzo Audizione dei rappresentati della Conferenza delle Regioni e delle Province

E’ attesa per oggi, 1° marzo 2021, l’Audizione dei rappresentanti della Conferenza delle Regioni e delle Province che si inserisce

“Testo unico partecipate”: termine “fatturato” utilizzato nell’art. 20 coincide con ammontare ricavi conseguiti nell’esercizio

Nella Delibera n. 54 del 28 marzo 2017 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Sindaco ha chiesto un parere

Arconet: decisioni in merito a quesiti posti dalle Regioni su “Fcde” e su Servizio di “Tesoreria”

Nella riunione del 20 settembre 2017 la Commissione Arconet, tra i vari punti all’Ordine del giorno, ha trattato alcuni quesiti