“#prideandprejudice” capitolo 3: il debito pubblico  

“#prideandprejudice” capitolo 3: il debito pubblico   

Il terzo dato macroeconomico diffuso dal Ministero dell’Economia e delle Finanze – nell’ambito della campagna “#prideandprejudice – ha per oggetto il debito pubblico italiano. “Dall’inizio della crisi economica – fanno sapere da Via XX settembre – il debito pubblico italiano è cresciuto ad una velocità inferiore rispetto sia agli Stati Uniti che ad altri Paesi dell’Unione europea (solo la Svezia ha un risultato migliore). La dinamica del debito in termini assoluti non è necessariamente indicativa della sostenibilità del debito: il rapporto tra debito e Pil è sicuramente un indicatore più affidabile in questo senso”.

La Nota del Ministero evidenzia che a causare un rilevante aumento del debito hanno inciso, negli ultimi anni, i contributi ai Fondi “salva-Stati” e il pagamento di debiti arretrati delle P.A.

prideandprejudice3


Tags assigned to this article:
Mefprideandprejudice

Related Articles

Opere pubbliche: i chiarimenti del Viminale sulla certificazione da trasmettere per avere accesso ai contributi 2019

E’ stato pubblicato sul sito del Ministero dell’Interno – Dipartimento Affari interni e regionali, il Comunicato 13 maggio 2019, contenente

Bilancio di previsione 2018: arriva l’accordo sulla proroga al 31 marzo 2018 per Comuni, Province e Città metropolitane

La Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, nel corso della seduta straordinaria del 7 febbraio 2018, ha espresso parere favorevole alla

Ordinamento contabile: le indicazioni della Ragioneria generale dello Stato ad Enti ed Organismi pubblici per la redazione del bilancio di previsione 2016

È stata pubblicata la Circolare Mef-Rgs 23 dicembre 2015, n. 32, recante indicazioni per Enti ed Organismi pubblici per la