Prima casa: via libera alle agevolazioni per chi detiene una piccola quota di un altro immobile

Prima casa: via libera alle agevolazioni per chi detiene una piccola quota di un altro immobile

La Corte di Cassazione ha accolto, con l’Ordinanza n. 21289 dell’8 ottobre 2014, il ricorso di un contribuente al quale erano state negate le agevolazioni sulla prima casa perché titolare per una quota pari al 5%, di un altro appartamento acquistato alcuni anni prima con la moglie nello stesso Comune. I Giudici di legittimità hanno stabilito chel’acquisto di una quota particolarmente esigua di un immobile non comporta il potere di disporre dello stesso come abitazione principale e di conseguenza, non realizzandosi l’intento abitativo, che è la finalità perseguita dal Legislatore, tale titolarità è assimilabile a quella di un immobile inidoneo a soddisfare le esigenze abitative. Pertanto il neoaquirente ha diritto a godere delle agevolazioni fiscali sulla prima casa anche se è comproprietario, per una piccola quota, di un altro immobile nello stesso Comune.

 

 


Tags assigned to this article:
Agevolazionicassazioneprima casa

Related Articles

Correttivo Codice Appalti: Unione Soa italiane chiede accesso diretto alle banche dati pubbliche per la verifica dei requisiti

“Il ritorno al decennio come periodo rilevante per la verifica del possesso dei requisiti della qualificazione è un segnale importante

Entrate tributarie: nei primi 9 mesi dell’anno sono state superiori di 11 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2015

Nel periodo gennaio-settembre 2016 le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 313.457 milioni

Riscossione: nullità dell’iscrizione ipotecaria

Nell’Ordinanza n. 18964 dell’11 settembre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte afferma che, in materia di riscossione coattiva