Procedura riassorbimento personale soprannumerario: il limite inderogabile è quello tracciato dal pareggio di bilancio

Procedura riassorbimento personale soprannumerario: il limite inderogabile è quello tracciato dal pareggio di bilancio

Nella Delibera n. 142 del 28 luglio 2016 della Corte dei conti Puglia, il parere riguarda la corretta interpretazione dell’art 1, comma 424, della Legge n. 190/14. In particolare, viene chiesto se la capacità assunzionale relativa alle annualità 2015 e 2016 (rinveniente dalle cessazioni degli anni 2014 e 2015) debba intendersi automaticamente ed integralmente destinata alla ricollocazione del personale dichiarato soprannumerario oppure se tale capacità debba intendersi destinata a tale finalità solamente nei limiti delle risorse che l’Ente, nella propria autonomia, ha stabilito di destinare alle assunzioni e rilevabili dalla programmazione triennale del fabbisogno di personale. In quest’ultimo caso, si

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Permessi “104” e congedo parentale ad ore cumulabili nella stessa giornata: i chiarimenti della Funzione pubblica

Il Dipartimento della Funzione pubblica, con il Parere DFP n. 0007518-P-04/02/2021, richiesto in merito alla possibilità di cumulare nella medesima

Notifica cartella esattoriale: può avvenire tramite invio diretto, da parte del concessionario, di lettera raccomandata con avviso di ricevimento

Nella Sentenza n. 23182 del 12 novembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che, in tema di riscossione

Audizione al Senato, Fassino auspica interventi condivisi nel Decreto Enti Locali

‎”I Comuni hanno‎ alle spalle una riduzione di quasi 18 miliardi di euro, non si può pensare di fare altrettanto