Procedure di appalto delle Società “in house”: giurisdizione amministrativa

Procedure di appalto delle Società “in house”: giurisdizione amministrativa

Nella Sentenza n. 1186 del 4 novembre 2019 del Tar Veneto, i Giudici chiariscono che le controversie attinenti le procedure di affidamento di lavori, servizi e forniture svolte dal gestore “in house” di un pubblico servizio rientrano nella giurisdizione amministrativa non già in ragione del carattere pubblicistico delle relative decisioni – giacché esse non sono assunte “in un procedimento amministrativo”, come invece richiede l’art. 133, comma 1, lett. c), del Cpa. – bensì in ragione del fatto che le Società “in houseex art. 133, lett. e), n. 1, del Cpa., sono comunque tenute, nella scelta del contraente, al rispetto dei procedimenti di evidenza pubblica previsti dalla normativa statale o regionale, come appunto dispone il citato art. 16, ultimo comma, del Dlgs. n. 175/2016, che costituisce una di quelle “specifiche disposizioni in contrario” che esigono – eccezionalmente – l’applicazione della normativa pubblicistica in luogo di quella privatistica. Peraltro i Giudici, al fine di ribadire la sussistenza della giurisdizione amministrativa in ordine alla controversia in esame, intendono valorizzare il fatto che la disciplina dettata dal citato art. 16, ultimo comma, del Dlgs. n. 175/2016, nella parte in cui stabilisce che le Società “in house” sono tenute all’acquisto di lavori, beni e servizi secondo la disciplina di cui al Dlgs. n. 50/2016, definisce in modo nitido un “vincolo eteronomo” di rispetto delle procedure regolamentate dal richiamato compendio normativo. Orbene, la sottoposizione o meno dell’appalto al regime pubblicistico fissato dal “Codice dei Contratti pubblici”, e la sua consequenziale sottoposizione alla giurisdizione esclusiva del Giudice amministrativo, discende dalle caratteristiche oggettive dell’appalto e soggettive della stazione appaltante, e dunque dall’esistenza di un vincolo “eteronomo”.


Related Articles

Previdenza complementare: stesso regime tributario tra lavoratori pubblici e privati

Nella Sentenza n. 218 del 3 ottobre 2019 della Corte Costituzionale, è stata sollevata questione di legittimità costituzionale dell’art. 23,

Permuta: se non comporta spese per l’Ente, è esclusa dai vincoli previsti per l’acquisto di immobili da parte dei Comuni

Nella Delibera n. 264 del 4 maggio 2016 della Corte dei conti Veneto, il parere riguarda l’applicazione dell’art. 12, comma

Bilancio di previsione 2015: via libera della Conferenza Stato-Città-Autonomie locali alla proroga al 30 settembre per Province e Città metropolitane

  La Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, nel corso della seduta straordinaria del 16 luglio 2015, ha espresso parere favorevole

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.