Processo tributario: compensazione spese processuali

Processo tributario: compensazione spese processuali

 

Nell’Ordinanza n. 14550 del 13 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che nei giudizi soggetti alla disciplina dell’art. 92, comma 2, del Cpc., come modificato dall’art. 2, comma 1, lett. a), della Legge n. 263/05, ove non sussista reciproca soccombenza, è legittima la compensazione delle spese processuali se concorrono giusti motivi, esplicitamente indicati nella motivazione, dovendosi ritenere, secondo la Suprema Corte, che tale esigenza non sia soddisfatta quando il Giudice abbia compensato le spese in considerazione del valore assai esiguo della causa, che si traduce, in una sostanziale soccombenza di fatto della parte vittoriosa con lesione del diritto di agire in giudizio e di difendersi ex art. 24 della Costituzione, con conseguente violazione di legge per l’illogicità ed erroneità delle motivazioni addotte.


Related Articles

Entrate tributarie gennaio-novembre 2015: sempre in crescita Irpef, Iva e Ires

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha esteso, con Comunicato n. 4 dell’8 gennaio 2016, il quadro delle entrate tributarie

Concessione del diritto di superficie e vendita dei terreni Peep: rientra nella giurisdizione del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 1158 del 5 ottobre 2017 del Tar Toscana, la questione controversa in esame ha ad oggetto la

“Servizi Demografici”: pubblicato il nuovo Elenco degli Ufficiali di Stato civile

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha pubblicato in data 16 gennaio 2014 sul proprio sito