Processo tributario: legittima la Pronuncia del Giudice d’appello basata su una ricostruzione autonoma e diversa da quella formulata dalle parti

Processo tributario: legittima la Pronuncia del Giudice d’appello basata su una ricostruzione autonoma e diversa da quella formulata dalle parti

In tema di giudizio di appello, il principio della corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato, come il principio del “tantum devolutum quantum appellatum”, non osta a che il Giudice renda la Pronuncia richiesta in base ad una ricostruzione dei fatti autonoma rispetto a quella prospettata dalle parti. A precisarlo è la Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 16250 del 31 luglio 2015.

Non è contraria al principio sopra esposto anche la Pronuncia resa in base alla qualificazione giuridica dei fatti presentati dalle parti ed all’applicazione di una norma giuridica diversa da quella invocata dall’istante. Non incorre nella violazione del principio della corrispondenza tra il chiesto ed il pronunciato il Giudice d’appello che, rimanendo nell’ambito del “petitum” e della “causa petendi”, confermi la decisione impugnata sulla base di ragioni diverse da quelle adottate dal Giudice di primo grado o formulate dalle parti, mettendo in rilievo nella motivazione elementi di fatto risultanti dagli atti ma non considerati o non espressamente menzionati dal primo Giudice.

Peraltro, in tema di processo tributario, la parte totalmente vittoriosa in primo grado non è tenuta a proporre appello incidentale avverso la Sentenza impugnata dalla controparte, relativamente alle eccezioni disattese o rimaste assorbite (essendo, sul punto, carente di interesse).


Related Articles

Sanzioni amministrative: violazione di norme

Nella Sentenza Corte di Cassazione 8 aprile 2015, n. 7067, si afferma che, in tema di sanzioni amministrative per violazione

“Prima casa”: i tempi di rilascio dei permessi non integrano la causa di forza maggiore se si sfora il termine per il trasferimento della residenza

Nella Sentenza n. 18/01/15 della Ctr Liguria, i Giudici affermano che i benefici fiscali “prima casa” sono riconnessi al soddisfacimento,

Norma sul finanziamento dei “livelli essenziali delle prestazioni”: incostituzionalità

Nella Sentenza n. 235 del 10 novembre 2017 della Corte Costituzionale, i Giudici si esprimono sulla legittimità costituzionale dell’art. 3,