Progressioni verticali in deroga: limite numerico non soggetto ad arrotondamento

Progressioni verticali in deroga: limite numerico non soggetto ad arrotondamento

Nella Delibera n. 38 del’11 giugno 2020 della Corte dei conti Basilicata, un Sindaco ha chiesto un parere in merito alla disciplina delle progressioni verticali del personale dipendente ex art. 22, comma 15, del Dlgs. n. 75/2017, come modificato dall’art. 1, comma 1-ter, del Dl. n. 162/2019, convertito con modificazioni dalla Legge n. 8/2020. In particolare, l’articolo sopra citato regola, in chiave derogatoria rispetto alla disciplina generale di cui all’art. 52, comma 1-bis, del Dlgs. n. 165/2001, sebbene in via transitoria, un’ipotesi particolare di “progressioni verticali”, facoltizzando per il triennio 2020-2022 procedure selettive interamente riservate ai dipendenti. Secondo la Sezione l’Ente, in base alla disciplina in esame, potrà attivare (trattandosi di una mera facoltà), nel rispetto del “Piano triennale dei fabbisogni di personale”, procedure selettive per la progressione tra le aree riservate al personale di ruolo, rispettando il limite numerico del 30%. Tale tetto percentuale deve essere considerato come massimo e invalicabile e, perciò, non suscettibile di arrotondamenti. La base di calcolo da prendere in considerazione per definire detta percentuale è quella delle assunzioni programmate, categoria per categoria o area per area, nel triennio 2020-2022 nell’ambito del “Ptfp”. Nella costruzione del percorso procedurale per le progressioni verticali e, quindi, per il “Piano dei fabbisogni triennali di personale”, l’Ente dovrà tener conto di tutti i vincoli assunzionali vigenti, nel rispetto del principio “tempus regit actum”. Nello specifico, dovrà rispettare la normativa vigente sui limiti della spesa del personale, nonché quella relativa alla capacità assunzionale. Il “Piano dei fabbisogni triennali di personale” può essere sempre modificato, nel rispetto delle procedure e dei criteri previsti dalla normativa temporalmente vigente, purché vi siano le relative coperture finanziarie.


Related Articles

“Servizi Demografici”: diffusi i Modelli dei Certificati di stato civile albanesi

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, con la Circolare n. 17/2015, pubblicata il 10 novembre 2015,

Impugnabilità del ruolo: ammissibile quando non è stato validamente notificato

Nella Sentenza n. 19704 del 2 ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che è ammissibile l’impugnazione della

Spese di personale per nuove assunzioni in esercizio provvisorio

Nella Delibera n. 28 del 19 marzo 2020 della Corte dei conti Campania, un Sindaco ha chiesto un parere in

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.