Proroga del contratto: legittima solo se prevista ab origine

Proroga del contratto: legittima solo se prevista ab origine

Nella Sentenza n. 1312 del 2 aprile 2020 del Tar Napoli, i Giudici affermano che in materia di rinnovo o proroga dei contratti pubblici di appalto di servizi non vi è alcuno spazio per l’autonomia contrattuale delle parti in quanto vige il principio inderogabile, fissato dal Legislatore per ragioni di interesse pubblico, in forza del quale, salve espresse previsioni dettate dalla legge in conformità della normativa comunitaria, l’Amministrazione, una volta scaduto il contratto, deve, qualora abbia ancora la necessità di avvalersi dello stesso tipo di prestazioni, effettuare una nuova gara pubblica. I Giudici ricordano che la differenza tra rinnovo e proroga di contratto pubblico sta nel fatto che il primo comporta una nuova negoziazione con il medesimo soggetto, che può concludersi con l’integrale conferma delle precedenti condizioni o con la modifica di alcune di esse in quanto non più attuali; la seconda ha invece come solo effetto il differimento del termine finale del rapporto, il quale rimane per il resto regolato dall’atto originario. Ed ancora, all’affidamento senza una procedura competitiva deve essere equiparato il caso in cui, ad un affidamento con gara, segua, dopo la sua scadenza, un regime di proroga diretta che non trovi fondamento nel diritto comunitario. Infatti, le proroghe dei contratti affidati con gara sono consentite se già previste ab origine e comunque entro termini determinati, mentre, una volta che il contratto scada e si proceda ad una proroga non prevista originariamente, o oltre i limiti temporali consentiti, la stessa proroga deve essere equiparata ad un affidamento senza gara. In particolare, per ciò che concerne la cd. “proroga tecnica”, i Giudici la ammettono solo in via del tutto eccezionale, poiché costituisce una violazione dei principi comunitari di libera concorrenza, parità di trattamento, non discriminazione e trasparenza, enunciati dall’art. 30 del Dlgs. n. 50/2016.


Related Articles

Tari: per i rimessaggi e le aree aperte ad attività produttive la tassazione non può essere la stessa

Nella Sentenza n. 11052 dell’8 novembre 2016 del Tar Lazio un contribuente, proprietario di un terreno agricolo ove viene esercitata

Ora legale per l’anno 2015: in G.U. il relativo Decreto

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 263 del 12 novembre 2014 il Dpcm. 29 settembre 2014, concernente la “Determinazione del

Tari: il Comune non può fissare un limite massimo alla riduzione tariffaria

Nella Sentenza n. 585 del 29 gennaio 2018 del Consiglio di Stato, un Comune ha approvato il Regolamento recante la

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.