Province: ripartito il “Fondo sperimentale di riequilibrio” 2014

Province: ripartito il “Fondo sperimentale di riequilibrio” 2014

E’ stato firmato il 24 ottobre 2014 – ed è attualmente in attesa di pubblicazione in G.U. il Decreto emanato dal Ministero dell’Interno di concerto con il Mef con il quale vengono ripartite, tra le Province, le risorse del “Fondo sperimentale di riequilibrio” 2014.

A renderlo noto è il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 5 novembre 2014.

Per quanto riguarda le Province delle Regioni a statuto ordinario, il Decreto riporta nell’Allegato “A” un quadro che illustra le quote spettanti ai singoli Enti, al netto delle riduzioni e dei recuperi imposti dalle misure di contenimento della spesa. “Le Province interessate – si legge – possono tenerne conto ai fini della predisposizione delle occorrenti variazioni al bilancio di previsione 2014”.

Il provvedimento è stato emanato ai sensi dell’art. 10 del Dl. n. 16/14 (c.d. “Decreto Salva Roma”) che prevede, per il 2014, la conferma delle modalità di riparto del “Fondo sperimentale di riequilibrio” a favore delle Province ricadenti nei territori delle Regioni a statuto ordinario, già adottate con precedente Decreto del 4 maggio 2012.

Lo stesso “Decreto Salva Roma” prevede, per le Province delle Regioni Sicilia e Sardegna, che i trasferimenti in loro favore siano determinati in base alle disposizioni di cui all’art. 4, comma 6, del Dl. n. 16/12, convertito dalla Legge n. 44/12 e successive modificazioni e integrazioni.

In allegato al Comunicato Fl. sono disponibili anche le spettanze delle Province ricadenti nei territori delle Regioni a statuto speciale.



Related Articles

Rinegoziazione dei mutui regionali

Nella Delibera n. 96 del 13 luglio 2020 della Corte dei conti Campania, il Presidente della Regione chiede un parere

Casellario informatico Anac: forniti i Modelli per le segnalazioni

Con il Comunicato del Presidente 21 dicembre 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 26 del 1° febbraio 2016, l’Anac ha

Verifiche Elenco Revisori: la “stoccata” del Viminale, “troppi errori, una superficialità che non si addice ai Professionisti”

Dichiarazioni del tutto errate o non conformi, inserimento di informazioni anagrafiche sbagliate, indicazione di corsi diversi da quelli effettivamente seguiti