Rapporto debito/Pil: Bruxelles chiede un consolidamento pari allo 0,2% del Pil nel 2017

Rapporto debito/Pil: Bruxelles chiede un consolidamento pari allo 0,2% del Pil nel 2017

Misure aggiuntive che portino a ridurre il rapporto debito/Pil almeno di un aggiuntivo 0,2%. E’ quanto richiesto dal Vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, e dal Commissario per gli Affari economici e monetari, la Fiscalità e l’Unione doganale, Pierre Moscovici, in una Lettera trasmessa al Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, e pubblicata sul portale istituzionale del Dicastero il 17 gennaio 2017.

Nel 2017 verrà redatto un nuovo rapporto sul debito e Dombrovskis e Moscovici sottolineano nella missiva come, secondo le previsioni della Commissione pubblicate il 16 novembre 2016, sia necessario un consolidamento pari ad almeno lo 0,2% del Pil nel 2017 al fine di rispettare il percorso di conseguimento dell’obiettivo di riduzione del rapporto tra debito pubblico e Pil.

Nel contesto dell’usuale interlocuzione con la Commissione europea – ha commentato il Ministero dell’Economia e delle Finanze – il Governo esprimerà la propria posizione, rispondendo alla Lettera ed inviando il rapporto sui fattori rilevanti che giustificano la dinamica del rapporto debito pubblico/Pil. Gli argomenti utilizzati dal Governo in passato sono almeno altrettanto validi oggi, in un contesto di perdurante e, per certi versi, accresciuta incertezza a livello europeo ed internazionale e di inflazione che persiste da troppo tempo a livelli eccessivamente bassi. Peraltro, grazie ad una strategia di politica economica volta a consolidare gradualmente le finanze pubbliche e, al contempo, a rilanciare la crescita, il rapporto tra debito pubblico e Pil si è sostanzialmente stabilizzato. È un risultato straordinario alla luce della recessione che si è rivelata più severa di quella degli anni trenta e confrontandolo con la dinamica del debito degli altri Paesi dell’Eurozona”.


Related Articles

Debiti P.A.: Guida per la comunicazione di pagamento sulla “Pcc” 

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso disponibile sulla “Piattaforma per la certificazione dei crediti” (“Pcc”), in data 18

Fatturazione elettronica: se il Comune ha già pagato il ruolo, deve accettare la successiva fattura sulla transazione in questione?

Il testo del quesito: “Il Comune fa parte di un Consorzio di manutenzione strade vicinali, la cui gestione amministrativa/contabile è

“Società a controllo pubblico”: la Corte dei conti Liguria chiarisce i requisiti che le rendono tali

Nella Delibera n. 3 del 24 gennaio 2018 della Corte dei conti Liguria, una Provincia ligure ha chiesto un parere