Ravvedimento operoso: nuovi chiarimenti delle Entrate sulle novità introdotte dalla “Manovra finanziaria 2015”

Ravvedimento operoso: nuovi chiarimenti delle Entrate sulle novità introdotte dalla “Manovra finanziaria 2015”

Con la Circolare n. 23/E del 9 giugno 2015, l’Agenzia delle Entrate è tornata sul tema del “ravvedimento operoso”, fornendo nuovi chiarimenti applicativi alla luce delle novità introdotte dalla Legge n. 190/14 (vedi Entilocalinews n. 1 del 5 gennaio 2015).

Il “ravvedimento” è quell’istituto previsto dall’art. 13 del Dlgs. n. 472/97 grazie al quale è possibile regolarizzare versamenti di Imposte (su tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate) non effettuati o effettuati in maniera insufficiente beneficiando della riduzione delle sanzioni.

Attraverso la “Legge di stabilità 2015”, art. 1, comma 637, il “ravvedimento operoso

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Covid-19”: Arera critica le misure del Decreto “Cura Italia” sui nuovi termini di approvazione del Pef Tari 2020

È stato pubblicato sul sito web di Arera il Comunicato 24 marzo 2020, rubricato “Emergenza Covid-19. Misure sulle tariffe della

Durc negativo: non è ammessa la regolarizzazione postuma

Nella Sentenza n. 5 del 29 febbraio 2016 del Consiglio di Stato, Sezione plenaria, in seguito ad una gara per

Sanzioni “Codice della strada”: i proventi possono essere utilizzati per l’illuminazione pubblica

Nella Delibera n. 138 del 30 marzo 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Comune espone che, a seguito dei