Ravvedimento operoso: nuovi chiarimenti delle Entrate sulle novità introdotte dalla “Manovra finanziaria 2015”

Ravvedimento operoso: nuovi chiarimenti delle Entrate sulle novità introdotte dalla “Manovra finanziaria 2015”

Con la Circolare n. 23/E del 9 giugno 2015, l’Agenzia delle Entrate è tornata sul tema del “ravvedimento operoso”, fornendo nuovi chiarimenti applicativi alla luce delle novità introdotte dalla Legge n. 190/14 (vedi Entilocalinews n. 1 del 5 gennaio 2015).

Il “ravvedimento” è quell’istituto previsto dall’art. 13 del Dlgs. n. 472/97 grazie al quale è possibile regolarizzare versamenti di Imposte (su tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate) non effettuati o effettuati in maniera insufficiente beneficiando della riduzione delle sanzioni.

Attraverso la “Legge di stabilità 2015”, art. 1, comma 637, il “ravvedimento operoso

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Imposta di bollo: in G.U. le specifiche sulla nuova modalità di pagamento per le “E-fatture”

Con Dm. Mef datato 28 dicembre 2018 e pubblicato sulla G.U. n. 5 del 7 gennaio 2019, è stata disciplinata

Immigrazione: in G.U. il Decreto che modifica il “Decreto Sicurezza” varato dal primo Governo Conte

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 261 del 21 ottobre 2020 il Dl. 21 ottobre 2020, n. 130, recante “Disposizioni

Appalti: la mancata produzione della domanda di partecipazione non costituisce cause di esclusione nelle procedure aperte

La domanda di partecipazione non costituisce un documento da produrre a pena di esclusione nelle gare pubbliche svolte con procedura