Regione Lazio: al via gli incentivi a favore dei Comuni per investimenti locali

Regione Lazio: al via gli incentivi a favore dei Comuni per investimenti locali

In arrivo 12 milioni di Euro di fondi regionali per il triennio 2016-2018 a favore dei Comuni laziali, per interventi finalizzati alla tutela della salute, all’incolumità pubblica e al completamento di opere non ultimate.

Ad annunciarlo è la stessa Regione Lazio, che ha reso noto come le domande possano essere presentate fino al 18 luglio 2016.

L’importo delle spese tecniche ammissibili, al netto della cassa e dell’Iva, non può essere superiore al 15% dell’importo posto a base d’asta, e dovrà essere comprensivo delle seguenti voci:

  • progettazione in tutte le sue fasi
  • direzione lavori;
  • collaudo;
  • coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione;
  • qualsiasi indagine e studio necessari alla definizione delle varie fasi progettuali (geologica,
  • strutturale, archeologica, prevenzione incendi, etc.)
  • rilievi;
  • redazione perizie di variante.

L’entità delle risorse previste per i finanziamenti regionali volti alla realizzazione di investimenti di carattere locale oggetto del bando è pari a complessivi Euro 11.925.000,00, di cui Euro 3.775.000,00 a valere sull’annualità 2016, Euro 4.075.000,00 a valere sull’annualità 2017 ed Euro
4.075.000,00 sul 2018.

Le erogazioni saranno corrisposte alle Amministrazioni comunali con articolazione commisurata alle disponibilità di competenza e cassa del bilancio regionale e pertanto secondo le seguenti modalità:

  • il 31,6%, quota di finanziamento a carico dell’esercizio finanziario 2016, verrà erogato all’esecutività della determinazione di concessione formale del finanziamento e d’impegno di spesa;
  • i successivi acconti saranno erogati nei limiti stabiliti dalla Lr. n. 88/1980, tenuto conto della ripartizione finanziaria delle risorse disponibili negli esercizi finanziari 2017 e 2018, all’esito della trasmissione dell’obbligazione di spesa verso terzi (contratto d’appalto) ed alla trasmissione della documentazione di rendicontazione dei lavori eseguiti e, comunque, alla effettiva realizzazione della relativa fonte di finanziamento.

Related Articles

Il Governo Draghi e il “Pnrr” “#Next Generation Italia (parte 1)

Rassegna sui temi che coinvolgono le Regioni e gli Enti Locali Vi sottoponiamo il primo articolo di approfondimento dal titolo

Appalti pubblici: un Regolamento completamente rinnovato per l’attività di vigilanza dell’Anac

Nell’ambito delle numerose novità seguite all’incorporazione dell’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici in Anac si registra anche il drastico rinnovo