Relazioni-Questionario sul rendiconto dell’esercizio 2017: mancata trasmissione da parte dell’Organo di revisione

Relazioni-Questionario sul rendiconto dell’esercizio 2017: mancata trasmissione da parte dell’Organo di revisione

Nella Delibera n. 71 del 9 ottobre 2019 della Corte dei conti Sardegna, la questione in esame riguarda l’inadempimento dell’obbligo di trasmissione del Questionario sul rendiconto 2017 (art. 1, commi 166 e seguenti della Legge n. 266/2005). In particolare, l’art. 1, comma 166 della Legge 266/2005 prevede che, “ai fini della tutela dell’unità economica della Repubblica e del coordinamento della finanza pubblica, gli Organi degli Enti Locali di revisione economico-finanziaria trasmettono alle competenti Sezioni regionali di controllo della Corte dei conti una relazione sul bilancio di previsione dell’esercizio di competenza e sul rendiconto dell’esercizio medesimo”. Tuttavia, la Sezione ricorda che i “Principi di vigilanza e controllo dell’Organo di revisione degli Enti Locali” approvati nel febbraio 2019 dal Consiglio nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili evidenzia che il mancato invio della documentazione in esame può costituire causa di revoca per inadempimento (art. 235, comma 2, del Dlgs. n. 267/2000). Dunque, il mancato invio delle Relazioni-Questionario in questione o il grave ritardo nella trasmissione delle stesse costituisce violazione di un preciso obbligo di legge e di un dovere d’ufficio e compromette lo svolgimento del controllo in capo alla Magistratura contabile.


Related Articles

“Legge di bilancio 2018”: l’Agenzia delle Entrate fa il punto sulle misure fiscali previste per l’anno in corso

L’Agenzia delle Entrate ha diffuso nei giorni scorsi sul proprio sito internet istituzionale delle schede di sintesi che riassumono le

Rettifica rendite catastali

Nell’Ordinanza n. 26639 del 18 ottobre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità osservano che l’art. 7 della

Appalti pubblici: tassazione per l’accesso alla Giustizia amministrativa

Nella Sentenza C-61/14 del 6 ottobre 2015 della Corte di Giustizia europea, i Giudici osservano che l’art. 1 della Direttiva

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.