Rescissione del contratto: sproporzione tra le prestazioni

Rescissione del contratto: sproporzione tra le prestazioni

Nella Sentenza n. 16042 del 2 agosto 2016 della Corte di Cassazione, una Casa di cura lamentava che, in funzione dell’accordo stipulato con un’Azienda sanitaria, aveva reso servizi per circa 36 milioni di Euro a fronte di un contratto stipulato per circa 18 milioni di Euro. Pertanto, veniva contestata la legittimità della rescissione del contratto. La Suprema Corte ha statuito che il vizio di rescissione per lesione ex art. 1448 del Cc. è un vizio genetico del contratto a tutela dell’equilibrio tra le prestazioni, rispetto al quale rileva innanzitutto il valore delle prestazioni al tempo della conclusione dello stesso. Di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Cassazione: la Corte dei conti deve verificare la compatibilità delle scelte amministrative con i fini dell’Ente pubblico

Nella Sentenza n. 6820 del 15 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sui limiti

Crediti tributari: applicabilità del “Codice Antimafia”

Nella Sentenza n. 3299 del 27 maggio 2019 della Ctr Sicilia, una Società impugna l’avviso di accertamento con cui un