Residui: impossibile procedere ad un nuovo Riaccertamento straordinario per correggere errori commessi in prima istanza

Residui: impossibile procedere ad un nuovo Riaccertamento straordinario per correggere errori commessi in prima istanza

Nella Delibera n. 44 del 23 marzo 2018 della Corte dei conti Puglia un Sindaco, dopo aver precisato che i Comuni in questione hanno provveduto al riaccertamento straordinario dei residui ai sensi dell’art. 3, comma 7, del Dlgs. n. 118/11, chiede se, nell’ipotesi in cui, durante la predisposizione del rendiconto di un successivo esercizio finanziario, sia rilevato “un errore nel calcolo della somma da accantonare al ‘Fondo crediti di dubbia esigibilità’”, sia possibile sanare la situazione effettuando un nuovo riaccertamento straordinario, secondo quanto previsto dall’art.1, comma 848, della Legge n. 205/17. La Sezione osserva che la recente disciplina

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: aliquota ordinaria sugli e-book, per la Corte di Giustizia Ue prevalgono le regole dell’e-commerce sull’incentivo alla lettura

Corte di Giustizia Ue–Grande Sezione-Sentenza n. C-390/15 del 7 marzo 2017   Le pubblicazioni digitali diffuse per via elettronica, a

Bilancio di previsione 2017-2019: riaperta la rilevazione del Viminale per verificare quanti Comuni l’hanno approvato

Con il Comunicato 28 marzo 2017, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha annunciato la riapertura della rilevazione volta

Indennità di funzione spettanti agli Amministratori locali: l’eventuale rinuncia volontaria non inficia successivi esercizi

Nella Delibera n. 382 del 21 dicembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere sull’indennità spettante ai