Retribuzione di posizione dei Dirigenti: la relativa pesatura è una scelta dell’Amministrazione

Retribuzione di posizione dei Dirigenti: la relativa pesatura è una scelta dell’Amministrazione

Nella Sentenza n. 61 del 20 gennaio 2015 del Tribunale Ordinario di Firenze, Sezione Lavoro, i Giudici fiorentini enunciano principi assai importanti, in quanto definiscono la pesatura delle posizioni dirigenziali non come un diritto dei singoli Dirigenti, ma come una scelta che appartiene alla sfera della discrezionalità delle Amministrazioni. Il Legislatore afferma che il diritto dei Dirigenti è unicamente quello di avere una retribuzione di posizione e che la sua misura sia determinata con criteri predeterminati dalle Amministrazioni all’interno del passaggio previsto dal contratto nazionale. Inoltre, i Giudici ricordano che le Amministrazioni hanno un vero e proprio obbligo di graduare le posizioni dirigenziali per determinare la misura della relativa retribuzione, determinandosi in caso contrario una scelta illegittima e la maturazione di responsabilità amministrativa. Dalla normativa non può farsi discendere un obbligo di provvedere della P.A., ogniqualvolta si verifichi una modifica organizzativa, ma anche, non è previsto alcun termine specifico per la determinazione della retribuzione di posizione, essendo questa rimessa unicamente al procedimento di graduazione delle funzioni svolte da parte dell’Amministrazione.

Sentenza n. 61 del 20 gennaio 2015 – Tribunale Ordinario di Firenze


Related Articles

Mobilità personale Province: adottato il Decreto con le Tabelle di equiparazione fra i diversi livelli di inquadramento

Un importante tassello è stato aggiunto al composito quadro normativo sulla base del quale potrà esser data compiuta attuazione alla

Legge sull’usura: definiti i tassi per il periodo ottobre-dicembre 2015

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 227 del 30 settembre 2015 il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 24 settembre

Iva sui “dpi”: non si applica il regime agevolato per i saponi che non hanno proprietà disinfettanti

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 370 del 17 settembre 2020, ha precisato l’applicabilità del regime