Revisori Enti Locali: emanato il terzo Decreto di modifica dell’Elenco 2019

Revisori Enti Locali: emanato il terzo Decreto di modifica dell’Elenco 2019

Sull’Elenco dei Revisori degli Enti Locali, approvato con il Decreto del Ministero dell’Interno 20 dicembre 2018 ed entrato in vigore lo scorso 1° gennaio 2019, è intervenuto il terzo Decreto modificativo, il Dm. 25 marzo 2019, pubblicato sul sito istituzionale della Direzione centrale per la Finanza locale del Viminale.

Il Provvedimento ha apportato le seguenti modifiche:

  • 3 Revisori aggiunti;
  • 36 Revisori cancellati;
  • 1 variazione dell’ambito provinciale.

Le modifiche, con i relativi nominativi, sono contenute negli Allegati “A”, “B” e “C” del Provvedimento.

Eccezion fatta per una espressa richiesta di cancellazione, l’elevato numero di nomi depennati deriva da 2 ordini di fattori.

Il primo, che è causa dei 23 nomi eliminati, riportati nell’Allegato “B”, è che, “a seguito delle verifiche e relative istruttorie effettuate sul possesso del requisito del conseguimento, nel periodo 1° gennaio–30 novembre dell’anno precedente, di almeno 10 crediti formativi sono stati rilevati, per alcuni soggetti, elementi di non conformità circa la sussistenza del requisito richiesto che comportano la cancellazione dall’Elenco”.

Il secondo, che ha comportato le 12 cancellazioni di cui all’Allegato “C”, è che per i soggetti in questione “non risulta pervenuta nei termini la documentazione richiesta attestante il possesso dei requisiti risultati non conformi dai controlli effettuati”.


Related Articles

Appalti: la mancata produzione della domanda di partecipazione non costituisce cause di esclusione nelle procedure aperte

La domanda di partecipazione non costituisce un documento da produrre a pena di esclusione nelle gare pubbliche svolte con procedura

Governance Società pubbliche: il Comune deve monitorare l’andamento gestionale dei propri Organismi partecipati

Nella Delibera n. 527 del 20 novembre 2015 della Corte dei conti Veneto, la Sezione rileva che, in relazione al

Diritto di accesso agli atti: i Consiglieri comunali non devono motivare le proprie richieste

Nella Sentenza n. 176 del 10 aprile 2015 del Tar Friuli Venezia Giulia, alcuni Consiglieri di un Comune, in tale

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.