Riaccertamento straordinario: grave irregolarità contabile relativa alla reimputazione dei residui attivi e passivi

Riaccertamento straordinario: grave irregolarità contabile relativa alla reimputazione dei residui attivi e passivi

Nella Delibera n. 2 del 27 gennaio 2016 della Corte dei conti Liguria, alla Sezione è pervenuta una Delibera di Giunta con la quale un Comune ligure ha approvato il prospetto di riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi. Dall’esame della medesima è stato riscontrato come non sia stata effettuata la corretta reimputazione dei residui attivi e passivi agli esercizi di effettiva esigibilità, espressamente richiesta dall’art. 3, comma 7, del Dlgs. n. 118/11. Nello specifico, risulta che tutti gli accertamenti e gli impegni sono stati reimputati all’esercizio 2015, come se tutti i rapporti giuridici attivi e passivi trovassero la loro

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Protezione civile: in G.U. gli indirizzi operativi per fronteggiare gli incendi nella stagione estiva 2016

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 138 del 15 giugno 2016 un Comunicato della Presidenza del Consiglio dei Ministri con

Tari: Arera avvia la raccolta dati per l’adozione di Provvedimenti urgenti alla luce dell’emergenza da “Covid-19”

È stata pubblicata sul sito web istituzionale di Arera la Deliberazione 26 marzo 2020, n. 102/2020/R/Rif, rubricata “Richiesta di informazioni

Appalti: la carenza della cauzione provvisoria non costituisce un’irregolarità essenziale

Il Tar Toscana, Sezione II, con la Pronuncia 18 marzo 2015, n. 429, prende posizione sulle novità che hanno interessato