Risarcimento da perdita di chance: non può essere chiesto quando l’Ente decide di internalizzare un servizio

Risarcimento da perdita di chance: non può essere chiesto quando l’Ente decide di internalizzare un servizio

 La Sentenza n. 559 del 9 febbraio 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, statuisce che nelle controversie aventi ad oggetto le procedure di aggiudicazione di appalti pubblici, la perdita di chance può essere risarcita solo quando vengono giudicate illegittime l’ esclusione di un’Impresa da una gara o l’ aggiudicazione della stessa a un’altra Impresa e quella invalidamente pretermessa dall’ affidamento dell’ appalto riesce a dimostrare che, se la procedura fosse stata amministrata correttamente, la sua offerta avrebbe avuto concrete probabilità di essere selezionata come la migliore, risultando provato, in questo caso, il nesso causale diretto tra la violazione accertata e la perdita patrimoniale (nella forma del “lucro cessante”) patita dalla concorrente alla quale è stata invalidamente sottratta l’occasione di conseguire l’aggiudicazione. Invece, quando viene giudicato illegittimo l’affidamento diretto di un appalto (e, quindi, la gara non è stata proprio indetta), l’Impresa che, come operatrice del settore, lo ha impugnato, lamentando la sottrazione al mercato di quel contratto, riceve in via generale una tutela risarcitoria integralmente satisfattiva per mezzo dell’ effetto conformativo che impone all’Amministrazione di bandire una procedura aperta per l’affidamento dell’appalto (ed alla quale potrà partecipare, conservando perciò integre le possibilità di aggiudicazione del contratto, l’Impresa che ha ottenuto in via giudiziaria l’annullamento dell’affidamento diretto). Tuttavia, nelle ipotesi in cui tale forma di tutela non è più possibile perché, come nel caso in esame, l’Amministrazione ha deciso di gestire direttamente il servizio, internalizzandone l’esercizio, la tutela risarcitoria per equivalente da perdita di chance resta in ogni caso preclusa dall’assorbente rilievo che l’Impresa asseritamente danneggiata non può certo dimostrare, per il solo fatto di operare nel settore dell’ appalto illegittimamente sottratto al mercato, di aver perduto, quale diretta conseguenza dell’invalida assegnazione del contratto ad altra Impresa, una occasione concreta di aggiudicarsi quell’ appalto o, in altri termini che, se l’Amministrazione lo avesse messo a gara, se lo sarebbe con elevata probabilità aggiudicato.


Related Articles

Contratto collettivo: la scelta di un concorrente di aderirvi non può essere imposta dalla “lex specialis”

Nelle Sentenza n. 45 del 13 gennaio 2017 del Tar Lombardia, una Fondazione ha indetto una gara d’appalto per l’affidamento

Scelta Avvocato esterno Ente Locale: non può essere connotata da carattere fiduciario

Nella Delibera n. 73 del 26 aprile 2017 della Corte dei conti Emilia Romagna, riguardante le relazioni sui servizi legali

“Certificazione unica 2017”: al 31 marzo la consegna al lavoratore, ma resta ferma la data del 7 marzo per l’invio all’Agenzia delle Entrate

Con il Comunicato-stampa 15 dicembre 2016, l’Agenzia delle Entrate ha reso noto l’avvenuta messa a disposizione, sul proprio sito,della bozza