Riscossione: l’Agenzia delle Entrate approva il “Modello di definizione agevolata delle controversie tributarie”

Riscossione: l’Agenzia delle Entrate approva il “Modello di definizione agevolata delle controversie tributarie”

Con il Provvedimento n. 140316 del 21 luglio 2017, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il “Modello di domanda di definizione agevolata delle controverse tributarie” in cui è parte la stessa Agenzia.

La domanda di definizione deve essere presentata dal soggetto che ha proposto l’atto introduttivo del giudizio o da chi vi è subentrato o ne ha la legittimazione, e che intende definire le controversie attribuite alla giurisdizione tributaria in cui è parte l’Agenzia delle Entrate, pendenti in ogni stato e grado del giudizio (compreso quello in Cassazione) e anche a seguito di rinvio.

Sono definibili le controversie il

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Referendum: il Viminale dirama la lista dei 24 Paesi in cui non è ammesso il voto per corrispondenza

Sono 24 i Paesi in cui non è ammesso il voto per corrispondenza in applicazione dell’art. 20, comma 1-bis, della

“Rapporto Ca’ Foscari sui Comuni 2020”: le idee sul tavolo della riforma del dissesto e pre-dissesto

Venerdì 23 ottobre 2020 è stato illustrato il “III Rapporto Ca’ Foscari sui Comuni”, nel corso di una videoconferenza diffusa

Contratti d’appalto: “modalità elettronica” obbligatoria sia per la forma pubblica amministrativa che per la scrittura privata

Sono nulli in tutti i casi i contratti d’appalto non stipulati in “modalità elettronica”, indipendentemente dal fatto che si parli