Sanzioni pecuniarie tributarie iscritte a ruolo prima del passaggio in giudicato della Sentenza di appello impugnata in Cassazione

Sanzioni pecuniarie tributarie iscritte a ruolo prima del passaggio in giudicato della Sentenza di appello impugnata in Cassazione

Nell’Ordinanza n. 32794 del 19 dicembre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità danno il via-libera alla riscossione frazionata delle sanzioni pecuniarie tributarie iscritte a ruolo prima del passaggio in giudicato della Sentenza di appello impugnata in Cassazione.

In particolare, la Suprema Corte osserva che:

– l’art. 68, comma 3, del Dlgs. n. 546/1992, prevedeva che “le Imposte suppletive e le sanzioni pecuniarie debbono essere corrisposte dopo l’ultima Sentenza non impugnata o impugnabile solo con ricorso in Cassazione”. L’art. 29 del Dlgs. n. 472/1997, in vigore dal 1° aprile 1998, ha abrogatole parole “e le sanzioni pecuniarie”;

– l’art. 19 del Dlgs. n. 472/1997, nel riordinare tutte le norme in materia di sanzioni per violazioni di norme tributarie, al comma 1 dispone che, “in caso di ricorso alle Commissioni tributarie si applicano le disposizioni del Dlgs. n. 546/1992, recante disposizioni sul processo tributario”.

La generica menzione delle Commissioni tributarie, in relazione, sia al precedente che all’attuale ordinamento, e l’abrogazione, con l’art. 37 del Dlgs. n. 46/1999, dell’art. 15, comma 2, del Dpr. n. 602/1973, che regolava la riscossione frazionata secondo il precedente sistema normativo, fanno sì che l’art. 68 citato sia divenuto la regola generale in tema di riscossione frazionata nella fase relativa alla pendenza del Processo tributario. Il tema del decidere è regolato dal principio di diritto secondo cui, con riferimento alla riscossione frazionata di sanzioni, a norma dell’art. 68, commi 1 e 2, del Dlgs. n. 546/1992, nella formulazione vigente dal 1° aprile 1998, a seguito dell’intervento abrogativo dell’art. 29 del Dlgs. n. 472/1997, riguardante proprio le sanzioni pecuniarie, l’applicazione delle medesime, in caso di esecuzione frazionata, può avvenire anche antecedentemente al passaggio in giudicato della Sentenza che ad esse si riferisca.

Tale regula iuris, applicabile alla fattispecie concreta in esame, consente la riscossione (frazionata) anche delle sanzioni antecedentemente al passaggio in giudicato della Sentenza che statuisca su di esse.


Related Articles

Clausola esclusione automatica: inammissibile per l’offerta con costo orario personale inferiorea quanto stabilito daTabelle ministeriali

Nella Delibera n. 1092 del 26 ottobre 2016 dell’Anac, viene contestata la legittimità dell’operato di una stazione appaltante che ha

“730 precompilato”: l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulla Dichiarazione

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Servizi ai contribuenti, ha fornito, con la Circolare n. 11/E del 23 marzo 2015,

Rimborso spese legali al dipendente pubblico

Nella Sentenza n. 11014 del 10 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno statuito che il

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.