Scioglimento di una Società mista quando non persegue finalità istituzionali

Scioglimento di una Società mista quando non persegue finalità istituzionali

Nella Sentenza n. 5193 del 9 dicembre 2016 del Consiglio di Stato, la questione controversa inizia con la Delibera consiliare di un piccolo Comune avente ad oggetto lo scioglimento anticipato di una Società mista con conseguente liquidazione della medesima.

Nello specifico, il Comune aveva costituito la sopracitata Società mista per l’affidamento del “Servizio di gestione delle spiagge libere ed attrezzate” situate nel territorio comunale. Detta Società è stata costituita con la partecipazione al 51% del Comune ed al 49% di soci privati ed è divenuta titolare delle concessioni demaniali marittime, subentrando al Comune. L’assetto originario, definito all’atto di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Immigrazione: attivo l’help desk che supporta i Comuni interessati all’accesso nella rete “Sprar”

Con una Nota pubblicata il 30 marzo 2017, l’Anci ha annunciato l’imminente pubblicazione – sui siti dello “Sprar”, di Anci

Processo tributario: il Giudice deve esaminare la pretesa tributaria nel merito anche se ritiene fondato solo in parte il ricorso

Nella Sentenza n. 11232 del 29 maggio 2015, la Corte di Cassazione rileva che il giudizio tributario non si connota

Società mista a partecipazione pubblica: divieto di avvalimento nelle gare indette per la selezione del socio privato

Nella Sentenza n. 152 del 30 marzo 2017 del Tar Abruzzo, una Società operante nel Settore dei “Servizi pubblici di