Scuole statali: la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato di questo settore è contraria al diritto dell’Ue

La Corte di Giustizia Europea con la Sentenza n. C. 418/13 del 26 novembre 2014, ha osservato che la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola statale è contraria al diritto dell’Unione europea. In particolare i Giudici dichiarano che la clausola 5, punto 1, dell’Accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, concluso il 18 marzo 1999, che figura nell’allegato alla direttiva 1999/70/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999, relativa all’accordo quadro Ces, Unice e Ceep sul lavoro a tempo determinato, deve essere interpretata nel senso che osta a una normativa nazionale, quale quella di cui trattasi nei procedimenti principali, che autorizzi, in attesa dell’espletamento delle procedure concorsuali per l’assunzione di personale di ruolo delle scuole statali, il rinnovo di contratti di lavoro a tempo determinato per la copertura di posti vacanti e disponibili di docenti nonché di personale amministrativo, tecnico e ausiliario, senza indicare tempi certi per l’espletamento di dette procedure concorsuali ed escludendo qualsiasi possibilità, per tali docenti e detto personale, di ottenere il risarcimento del danno eventualmente subito a causa di un siffatto rinnovo. Risulta infatti che tale normativa, fatte salve le necessarie verifiche da parte dei Giudici del rinvio, da un lato, non consente di definire criteri obiettivi e trasparenti al fine di verificare se il rinnovo di tali contratti risponda effettivamente ad un’esigenza reale, sia idoneo a conseguire l’obiettivo perseguito e sia necessario a tal fine, e, dall’altro, non prevede nessun’altra misura diretta a prevenire e a sanzionare il ricorso abusivo ad una successione di contratti di lavoro a tempo determinato.



Related Articles

“Fondi contrattazione integrativa 2015”: le istruzioni della Ragioneria generale dello Stato sulla decurtazione permanente da applicare

Con l’attesa Circolare n. 20 dell’8 maggio 2015, pubblicata dal Mef in data 28 luglio 2015, la Ragioneria generale dello

Ufficio legale: non può essere posto alle dirette dipendenze del Segretario comunale se privo del titolo di Avvocato

Nella Sentenza n. 486 del 16 febbraio 2015 del Tar Lombardia, i Giudici hanno affermato che è illegittima la Delibera

Audizione al Senato, Fassino auspica interventi condivisi nel Decreto Enti Locali

‎”I Comuni hanno‎ alle spalle una riduzione di quasi 18 miliardi di euro, non si può pensare di fare altrettanto