Semplificazione amministrativa: le comunicazioni relative ai decessi devono essere inviate dai Comuni al Casellario tramite Pec

 

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 72 del 27 marzo 2014 il Decreto Ministero della Giustizia 19 marzo 2014, recante “Regole procedurali di carattere tecnico operativo per la trasmissione telematica al Sistema informativo del Casellario delle informazioni concernenti l’avvenuta morte della persona da parte dei Comuni, ai sensi dell’art. 20, comma 3, del Decreto del Presidente della Repubblica 14 novembre 2002, n. 313”.

Il Dm. rende nota la nuova procedura per l’invio, tramite Posta elettronica certificata, delle comunicazioni sui soggetti deceduti che i Comuni devono far pervenire al “Sistema informativo del Casellario” (“Sic”).

Tali comunicazioni, finora cartacee, dovranno essere effettuate dagli Uffici comunali attraverso la trasmissione di un file, firmato digitalmente, ad un indirizzo Pec del Casellario centrale. Le indicazioni operative si trovano nell’Allegato tecnico al Decreto.

Segnaliamo in particolare ai Comuni che l’art. 3 riporta le modalitá di attivazione della trasmissione telematica e registrazione dei dati del Comune sul “Sic” e che – al fine di razionalizzare le attività dell’Ufficio del Casellario centrale – queste operazioni saranno scaglionate come segue:

a)    i Comuni capoluogo di Regione e di Provincia saranno attivati entro 2 mesi dalla data di entrata in vigore del Decreto;

b)   i Comuni delle Regioni del Nord saranno attivati entro 4 mesi;

c)    i Comuni delle Regioni del Centro saranno attivati entro 6 mesi;

d)   i Comuni delle Regioni del Sud, Sicilia e Sardegna saranno attivati entro 8 mesi.

Una volta entrata a regime la nuova procedura, la trasmissione dovrá essere effettuata una volta al mese o una volta a settimana nei Comuni nel cui ambito territoriale si verificano piú di 50 decessi a settimana.


Tags assigned to this article:
semplicazione

Related Articles

Affidamento “in house”: se manca la motivazione è illegittimo

Nella Sentenza n. 1900 del 12 maggio 2016 del Consiglio di Stato, è stata accolto il ricorso proposto da una

Iva su forniture energetiche: un chiarimento sulle condizioni per applicare l’aliquota agevolata del 10% ai “contratti servizio energia plus”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 288 del 22 luglio 2019, ha fornito chiarimenti in ordine

Consorzi: “sì” alla stabilizzazione del personale ex art. 4 del Dl. n. 101/13 purché abbiano natura giuridica di diritto pubblico

Nella Delibera n. 95 del 6 aprile 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.