Semplificazione amministrativa: un Decreto dell’Interno estende a nuovi ambiti l’impiego delle comunicazioni telematiche per i Comuni

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 46 del 25 febbraio 2014 il Decreto 12 febbraio 2014, emanato dal Ministero dell’Interno di concerto con il Ministero per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, recante “Modalità di comunicazione telematica tra Comuni in materia elettorale, di Anagrafe e di stato civile, nonché tra Comuni e Notai per le convenzioni matrimoniali, in attuazione dell’art. 6, comma 1, lett. a) e c) del Decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito con modificazioni dalla Legge 4 aprile 2012, n. 35”.

Il Decreto, in attuazione dell’art. 6 del Dl. n. 5/12, amplia il numero di comunicazioni che i Comuni devono effettuare in modalità telematica (tramite Posta elettronica certificata, apposizione firme digitali ecc.).

In particolare, l’art. 1 apporta una serie di modifiche al “Testo unico delle leggi per la disciplina dell’elettorato attivo e per la revisione delle liste elettorali” (Dpr. n. 223/67), prevedendo quanto segue:

  1. gli atti e i documenti di cui al citato Dpr. n. 223 sono sostituiti, per la trasmissione tra Comuni, dal Modello allegato al Decreto in commento;
  2. il Modello deve essere trasmesso tra i Comuni mediante Pec o in cooperazione applicativa;
  3. le comunicazioni e le trasmissioni di cui al comma 1 sono valide qualora la provenienza delle stesse sia verificata, ai sensi dell’art. 47, comma 2, del Dlgs. n. 82/05, mediante una delle seguenti modalità: a) sottoscrizione con firma digitale o altro tipo di firma elettronica qualificata; b) segnatura di protocollo di cui all’art. 55 del Dpr. n. 445/00; c) quando è comunque possibile accertarne la provenienza, secondo quanto previsto dalla normativa vigente o dalle regole tecniche di cui all’art. 71 del Dlgs. n. 82/05; d) trasmissione via Pec (Dpr. n. 68/05);
  4. l’utilizzo del nuovo Modello diventerà obbligatorio a partire dal 1° gennaio 2015.

L’art. 2 interviene invece sul tema delle comunicazioni e trasmissioni tra Comuni di atti e documenti previsti dal “Regolamento anagrafico” (Dpr. n. 223/89) e, nel dettaglio, è stabilito che queste comunicazioni debbano avvenire in cooperazione applicativa o tramite posta elettronica (tra caselle di Posta elettronica istituzionale).

L’art. 3 invece estende l’obbligo dell’uso della posta elettronica anche alle comunicazione e trasmissioni tra Comuni di atti e documenti previsti dal “Regolamento di stato civile” di cui al Dpr. n. 39/00, mentre l’art. 4 stabilisce che le comunicazioni e le trasmissioni degli atti ai Comuni, anche ai fini delle annotazioni delle convenzioni matrimoniali, debbano essere effettuate dai Notai tramite Pec, e che gli atti così trasmessi debbano essere firmati digitalmente per attestarne la conformità all’originale.


Tags assigned to this article:
semplificazione

Related Articles

Catasto: contenuto minimo e motivazione riclassamento immobile

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 23247 del 31 ottobre 2014, ha statuito che non è legittimo il

Tarsu: la determinazione delle tariffe spetta alla Giunta comunale

Nell’Ordinanza n. 22545 del 27 settembre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame affronta la questione del

Responsabilità degli Amministratori di Società “in house providing”: giurisdizione contabile

Nella Sentenza n. 76 del 9 febbraio 2016 della Corte dei conti, Sezione centrale d’Appello, la Sezione si esprime sulla

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.