Servizi pubblici: requisito dell’attività prevalente

Servizi pubblici: requisito dell’attività prevalente

Nell’Ordinanza n. 4793 del 20 ottobre 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici osservano che, nell’attuale quadro normativo nazionale, non si rinviene una disposizione che indichi gli elementi costituivi di un Ente “in house“ e lo stesso Legislatore in molteplici discipline settoriali, nel richiamare la nozione di Ente “in house“, rinvia all’ordinamento europeo per una sua corretta delimitazione. Quanto al diritto europeo, l’affidamento “in house“ è un istituto di origine giurisprudenziale per verificare quando vada necessariamente indetta una gara. Le Direttive n. 2014/23/Ue, n. 2014/24/Ue, n. 2014/25/Ue, ne trattano gli elementi costitutivi, al fine

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Revisori Regioni e Province autonome: deliberate le “Linee guida” della Corte per il Questionario al rendiconto della gestione 2019 e al preventivo 2020-2022

La Corte dei conti – Sezione delle Autonomie, riunitasi in videoconferenza, ha approvato, con le Delibere nn. 3 e 4/2020,

Nota di aggiornamento al Def 2020: secondo le stime del Governo, Pil ai livelli “pre-Covid” già nel 2022

Una flessione economica drastica ma più contenuta rispetto a quanto stimato lo scorso luglio dalla Commissione europea (Pil 2020 al

Codice dei contratti pubblici: a che punto siamo con lo stato di attuazione?

Facciamo un po’ di chiarezza sulla situazione relativa all’attuazione del nuovo “Codice dei Contratti” che, come si ricorderà, prevede, per