“Servizi Sociali”: al via il nuovo “Fondo di garanzia per l’acquisto della prima casa”

“Servizi Sociali”: al via il nuovo “Fondo di garanzia per l’acquisto della prima casa”

Con il Comunicato-stampa n. 229 del 9 ottobre 2014, Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato la firma, a cura del Direttore generale del Tesoro e del Direttore generale dell’Abi, un Protocollo di intesa per il nuovo “Fondo di garanzia per la casa” di cui al Dm. 31 luglio 2014.

Il Fondo ha una dotazione finanziaria di circa 650 milioni di Euro ed ha la finalità di concedere garanzie fino al 50% della quota capitale di mutui ipotecari, di ammontare non superiore a 250mila Euro, per l’acquisto di immobili, non di lusso, da adibire ad abitazione principale del mutuatario.

Potranno accedere all’agevolazione coloro che, alla data di presentazione della domanda, non siano proprietari di altri immobili ad uso abitativo (eccezion fatta per quelli acquisiti per successione ereditaria, anche in comunione con altri successori, e in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli).

Ferma restando la facoltà della banca di erogare il mutuo, è previsto un tasso calmierato per le seguenti categorie:

•   coppie in cui almeno uno dei 2 componenti non abbia superato i 35 anni;

•   genitori single con figli minori;

•   giovani con meno di 35 e titolari di un rapporto di lavoro atipico;

•   conduttori di alloggi di proprietà degli Iacp, comunque denominati.


Tags assigned to this article:
AbigaranziaMefmutuiprima casa

Related Articles

“Fermenti in Comune”: Avviso per sostenere progettualità comunali che coinvolgono i giovani

Un Avviso, denominato “Fermenti in Comune”, per supportare 50 Proposte progettuali dedicate ai giovani: con le risorse del “Fondo per

Incentivi per funzioni tecniche: sono da includere nel tetto dei trattamenti accessori

Nella Delibera n. 113 del 9 giugno 2017 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto se, ai fini del computo

“Anagrafe nazionale della popolazione residente”: al via il nuovo Portale

Con la Circolare n. 19 del 13 aprile 2021 il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha