Sindaci: per la Cassazione è legittimo il divieto del terzo mandato

Sindaci: per la Cassazione è legittimo il divieto del terzo mandato

Nella Sentenza n. 6128 del 26 marzo 2015 della Corte di Cassazione, le Elezioni amministrative di un piccolo Comune sono state vinte da una candidata che era già stata eletta Sindaco per 2 volte di seguito. Il primo dei mandati elettorali non si era concluso alla scadenza naturale prevista perché alcuni Consiglieri comunali avevano rassegnato le proprie dimissioni, cui aveva fatto seguito il commissariamento per circa 13 mesi del Comune; il secondo mandato si era svolto, invece, regolarmente. Una volta vinte per la terza volta consecutiva le Elezioni per la carica di Sindaco, il risultato elettorale veniva impugnato dinanzi ai

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Personale: il rapporto di lavoro a tempo indeterminato e pieno non consente ulteriori incarichi dirigenziali

Nella Delibera n. 232 del 12 settembre 2018 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere sulla

Edilizia scolastica: al via un nuovo Piano di finanziamenti da 320 milioni di Euro

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 237 del 24 settembre 2020 il Decreto n. 72 del 25 luglio 2020

Tari: l’Arera avvia il procedimento per la definizione del nuovo “Metodo tariffario rifiuti” per il secondo periodo regolatorio

È stata pubblicata sul sito web istituzionale di Arera la Deliberazione 30 marzo 2021 n. 138/2021/R/Rif, rubricata “Avvio di procedimento