Società “in house” e prorogatio: disciplina normativa e nuove prospettive

Società “in house” e prorogatio: disciplina normativa e nuove prospettive

È curioso come la Società “in house providing”, “recente” sedimento del diritto unionale europeo, sia destinata in queste poche righe ad intrecciarsi a doppio nodo con l’antico istituto della prorogatio che affonda le proprie radici nel pragmatismo giuridico del diritto romano. Meno sorprendente è che l’art. 11, del Dlgs. n. 175/2016 (“Testo unico delle Società a partecipazione pubblica” – breviter Tusp), rubricato “Organi amministrativi e di controllo delle società a controllo pubblico”), continui ad essere al centro dell’attenzione degli interpreti.

In particolare, continua a far parlare di sé il comma 15 dell’art. 11 del

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Rilevazione partecipazioni P.A. e loro rappresentanti presso Organi di governo di Società ed Enti: i compiti dei Revisori degli Enti territoriali

In tema di informazioni relative agli Organismi partecipati, (anche) le Amministrazioni pubbliche locali – ai sensi e per gli effetti

Ici: la rilevanza ai fini impositivi dei Regolamenti comunali

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 4605 del 28 febbraio 2018 Nel presente elaborato analizzeremo l’Ordinanza Corte di Cassazione 28 febbraio

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.