Società a partecipazione pubblica: a 3 anni dalla pubblicazione del Tusp, arrivano le bozze dei Decreti attuativi su compensi e requisiti

Società a partecipazione pubblica: a 3 anni dalla pubblicazione del Tusp, arrivano le bozze dei Decreti attuativi su compensi e requisiti

A distanza di quasi 3 anni dall’entrata in vigore del Dlgs. n. 175/2016 (“Testo unico in materia di Società a partecipazione pubblica”), sono finalmente in dirittura di arrivo i 2 attesi Decreti attuativi in materia di definizione dei requisiti di onorabilità, professionalità e autonomia dei componenti degli Organi amministrativi e di controllo delle Società a controllo pubblico (art. 11, comma 1) e di determinazione del limite dei compensi massimi da corrispondere ai componenti degli Organi sociali nonché ai Dirigenti e ai dipendenti delle Società a controllo pubblico (art. 11, comma 6).

Il citato art. 11, comma 1, del Tusp, aveva demandato a un successivo Decreto la definizione dei requisiti richiesti ai componenti degli Organi sociali delle Società pubbliche. Il Regolamento di cui allo Schema di Decreto attualmente in corso di perfezionamento ha quindi disciplinato questi aspetti, tenendo conto appunto dell’esigenza di garantire il fatto che essi possiedano le conoscenze, le competenze e il grado di esperienza necessari per l’esercizio delle loro funzioni e affinché le Società siano correttamente amministrate.

L’altro Decreto, attuativo dell’art. 11, comma 6, del Tusp, risponde invece all’esigenza di:

–          definire degli Indicatori qualitativi e quantitativi per individuare delle fasce per la classificazione delle Società a controllo pubblico;

–          fissare, per ogni fascia, dei limiti per i compensi massimi ai quali gli Organi delle Società devono attenersi per determinare il trattamento economico annuo da corrispondere ad Amministratori, titolari e componenti degli Organi di controllo, oltre che a Dirigenti e dipendenti;

–          stabilire i criteri di determinazione della parte variabile della remunerazione commisurata ai risultati di bilancio raggiunti dalla Società nel corso dell’esercizio precedente.

L’Ufficio di Gabinetto del Mef ha trasmesso, con Nota n. 8521 del 6 maggio 2019, i 2 Schemi di Decreto in questione, ai fini dell’acquisizione dell’intesa da parte della Conferenza Unificata.


Related Articles

Gruppi consiliari monopersonali: condizioni per la corresponsione dei contributi

Nella Delibera n. 396 del 21 dicembre 2016 della Corte dei conti Lombardia, il Presidente della Regione ha richiesto un

Entrate tributarie e contributive: in crescita di oltre 14 miliardi

Il Mef, con Comunicato n. 201 del 5 dicembre 2016, ha reso noto il Rapporto sull’andamento delle entrate tributarie e

Utile necessario: non è estensibile a soggetti che operano per scopi non economici

Nella Sentenza n. 84 del 16 gennaio 2015, il Consiglio di Stato ha accolto l’appello proposto da un Comune avverso una

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.