Somme indebitamente erogate ai dipendenti: il recupero deve essere al netto delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali

Somme indebitamente erogate ai dipendenti: il recupero deve essere al netto delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali

Nella Delibera n. 120 del 24 settembre 2015 della Corte dei conti Umbria, la Sezione si esprime in ordine alla modalità di recupero, se al lordo o al netto delle ritenute fiscali, previdenziali e assicurative, di somme indebitamente erogate al personale comunale.

La Sezione, per dare risposta al quesito in esame, si basa su un principio elementare il quale attiene alla regola civilistica dell’indebito arricchimento che non potrebbe estendersi alle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali, le quali costituiscono somme che non sono pervenute nella disponibilità patrimoniale del dipendente.

Infatti, secondo la Sezione, trattandosi di ripetizione di somme indebitamente corrisposte a

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Avvalimento: possibile per la certificazione Soa purché accompagnato da un contratto che indichi mezzi e risorse messi a disposizione

Nella Sentenza n. 121 del 1° ottobre 2019 del Tribunale regionale di Giustizia amministrativa di Trento, i Giudici chiariscono che

Verifiche 48-bis: con la pubblicazione del Decreto Sostegni-bis, di nuovo sospese fino al 30 giugno 2021

Con l’emanazione del Dl. n. 73 del 25 maggio 2021 (Decreto “Sostegni-bis”) sono stati nuovamente prorogati i termini di sospensione