“Split payment” Professionisti: dopo l’abolizione un Ente Parco può accettare solo fatture ad esigibilità immediata?

“Split payment” Professionisti: dopo l’abolizione un Ente Parco può accettare solo fatture ad esigibilità immediata?

Il quesito:

Il Dl. n. 87/2018 che abolisce la ‘scissione dei pagamenti’ per le fatture dei Professionisti dal 14 luglio 2018 pone l’attenzione sul tipo di Cliente a cui il Professionista deve fatturare poiché lo stesso dovrà versare l’Imposta al momento dell’emissione del documento ovvero al momento del pagamento da parte del committente.

Per un Ente Parco, non ricompreso nell’art. 6, comma 5, del Dpr. n. 633/72, quale è il ragionamento da seguire ? Eravamo stati inizialmente esclusi dall’applicazione dello ‘split payment’ proprio in forza del fatto che non eravamo compresi tra i soggetti nei confronti dei quali è

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Dipendenti pubblici: disciplina della rimborsabilità delle spese di viaggio

Nella Delibera n. 275 del 20 giugno 2016 della Corte dei conti Campania, viene chiesto un parere in merito alla

“Capitale italiana della cultura” 2016-17: individuati i 10 Comuni finalisti

  Aquileia, Como, Ercolano, Mantova, Parma, Pisa, Pistoia, Spoleto, Taranto e Terni: sono i 10 Comuni italiani che si contenderanno

Iva: per recuperare l’Imposta restituita al committente colpito da avviso di accertamento il prestatore di servizio presenta Istanza di rimborso

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 66 del 12 novembre 2018, ha chiarito che un cedente/prestatore

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.