Tarsu: gli immobili adibiti a “residence” non possono rientrare nelle civili abitazioni

Tarsu: gli immobili adibiti a “residence” non possono rientrare nelle civili abitazioni

Con la Sentenza n. 16176 del 3 agosto 2016, la Corte di Cassazione si esprime sul caso di un Comune che, con avviso di accertamento Tarsu, aveva contestato ad un contribuente di aver inserito i propri immobili, adibiti a “residence”, nella categoria delle “abitazioni private” anziché in quella dovuta di “alberghi, affittacamere, collegi, convitti, bar, ristoranti, pizzerie”.

In particolare, la Suprema Corte rileva che, in tema di Tarsu, è legittima la Delibera comunale di approvazione del Regolamento e delle relative tariffe, in cui la Categoria degli esercizi alberghieri venga distinta da quella delle civili

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Mini-investimenti piccoli Comuni: le faq del Viminale su interventi, tempi e controlli

Dopo la pubblicazione del Decreto 10 gennaio 2019 (in attuazione di quanto previsto dall’art. 1, commi 107-111, della Legge n.

Imposta di soggiorno: nessuna abolitio criminis per effetto del “Decreto Rilancio”

Nella Sentenza n. 41793 del 9 settembre 2021 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte si esprime sulla questione dell’incidenza della

“Covid-19”: in G.U. il “Decreto ponte” che disciplina le misure anti-contagio fino all’approvazione del Dpcm.

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 248 del 7 ottobre 2020 il Dl. n 125 del 7 ottobre 2020, recante